Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:04 - Lettori online 1448
POZZALLO - 28/01/2010
Cronache - Ragusa: si è reso necessario l’intervento dlela Polizia

Marito violento picchia ex moglie dopo la separazione

Un comisano di 31 anni è stato sotto posto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna

Si era separato dalla moglie ormai da qualche anno per via legale ma non aveva mai smesso di tormentarla. Un comisano di 31 anni è stato sotto posto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dall’ex moglie. Da tempo non le dava tregua, continuava a tormentarla con telefonate minatorie e, cosa piu’ grave, con violenza fisica non solo a lei ma anche nei confronti degli ex suoceri.

Tutto al punto di provocare alla malcapitata un senso sempre piu’ profondo di ansia e paura. Le minacce continuavano ad aumentare e diventare, di giorno in giorno, sempre piu’ pesanti e gravi. L’ex marito non sopportava le conseguenze del divorzio, non accettava la vita che si era creata la moglie subito dopo la separazione e soprattutto non gli andavano giu’ i continui rifiuti di lei che, ormai esasperata ed impaurita, aveva come unico desiderio quello di tagliare ogni ponte con il passato.

Proprio per questo motivo la malcapitata si è recata in Questura a Ragusa per denunciare tutto. Da quel momento la donna è stata protetta dalla squadra mobile e dalle leggi che riconoscono e tutelano le vittime di violenze post matrimonio. Solo grazie alla denuncia sporta dalla vittima gli agenti sono riusciti a sottoporre alla misura cautelare di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dall’ex moglie il comisano di 31 anni. Il questore Giuseppe Oddo, in circostanza di quanto accaduto, ha voluto ancora una volta sottolineare la presenza delle forze dell’ordine nel territorio in difesa dei diritti umani e civili, soprattutto se coadiuvati dagli stessi cittadini.