Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1402
POZZALLO - 19/01/2010
Cronache - Pozzallo: si dovrà attendere qualche giorno per il probabile allontanamento

Il professore "manesco" difeso dagli studenti su Facebook

Anche il preside del nautico Attilio Sigona si schiera dalla parte del docente

"Si dovrà attendere ancora qualche giorno per l’esito del possibile allontanamento dall’istituto del professore che ha dato due ceffoni ad uno studente. Assicuro che tutto l’incarto è stato inviato all’ufficio scolastico provinciale, oltre ad una mia personale nota dove vi è scritto che il docente è una persona che da molti anni svolge la sua professione, senza che nessuno mai si sia lamentato del suo operato. Spero che questo deponga a favore di una possibile risoluzione dei fatti e che il «caso» rientri senza alcuna conseguenza".

È il preside Attilio Sigona a prendere nuovamente le difese del docente dell’istituto nautico «G. La Pira» che, la scorsa settimana, avrebbe dato due ceffoni ad uno studente. In settimana, assicura il preside, se non la prossima, il dirigente Cataldo Di Nolfo emetterà la sentenza che, nella peggiore delle ipotesi, dovrebbe allontanare il docente dall’istituto fino alla chiusura dell’anno scolastico. Una punizione che lo stesso Sigona scongiura, vista l’efficienza e la preparazione con la quale il docente, ogni giorno, insegna ai propri studenti.

Sta bene, il ragazzo A.C., 18 anni il prossimo marzo, colpito dal docente nell’aula della IV C, dove stava insegnando, prima del «fattaccio». L’ematoma all’occhio pare sia quasi sgonfiato. Da fonti vicine al ragazzo, pare, inoltre, che lo stesso abbia riferito di voler parlare con il docente al fine di chiarirsi, proprio perché, in passato, fra i due, non vi è stata mai particolare animosità. A riprova di ciò, lo dimostrano anche i voti (ottimi) assegnati durante l’anno scolastico dal docente allo studente. Inoltre, pende a favore del docente il fatto che i genitori abbiano ribadito anche ieri di non avere alcuna intenzione di sporgere denuncia contro il professore. Tutti elementi che Di Nolfo vaglierà attentamente prima di pronunciarsi. Forse lunedì prossimo l’incontro chiarificatore fra i due?

Intanto, è Facebook, il social-network dove sono iscritti molti studenti ed ex studenti del nautico, a prendere le difese per il professore. Centotrenta persone, iscritte in un gruppo, certificano che si è trattato di un caso isolato e che il docente non è una persona avvezza ad alzare spesso le mani. Chissà che anche questo dato possa influire sul giudizio che Di Nolfo darà nei prossimi giorni.