Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1113
POZZALLO - 17/08/2009
Cronache - Pozzallo: ottimo bilancio per "Ferragosto tranquillo 2009"

Sotto sequestro lo stabilimento balneare Raja, ex Titanic

La struttura sarebbe stata sprovvista della necessaria concessione demaniale sin dal novembre 2008
Foto CorrierediRagusa.it

È stato alquanto impegnativo il weekend ferragostano che ha impegnato gli uomini della Guardia Costiera di Pozzallo, impiegati nell’operazione «Ferragosto Tranquillo 2009». Cinquanta i militari coinvolti nell’operazione, sei unità navali e otto pattuglie automontate hanno garantito la tranquillità a tutti coloro che hanno trascorso il fine settimana lungo i litorali delle coste iblee.

Il personale della Capitaneria di Porto ha posto sotto sequestro a Playa Grande lo stabilimento balneare "Raja", ex "Titanic". La struttura balneare, secondo quanto riferito dalla Guardia costiera, sarebbe stata sprovvista della necessaria concessione demaniale sin dal novembre 2008 e, nonostante ciò, continuava ad operare. Il titolare della struttura, che, nel frattempo, si era rivolto al Tar di Catania e al Cga di Palermo, con esito negativo, era stato diffidato a rimuovere il manufatto ed a sgomberare l’aria demaniale occupata.

Nella giornata di ferragosto, è stata prestata assistenza, grazie alla motovedetta Cp 888 e al gommone in dotazione alla Capitaneria, il G.C. 145, all’equipaggio di un catamarano a vela, il quale, capovoltosi, si trovava in difficoltà. Tutto è rientrato in pochi minuti. Così come per una bambina sul litorale ispicese di Santa Maria del Focallo, trovata illesa dopo due ore di ricerche.

Diciannove i controlli su unità da diporto inerenti le dotazioni di sicurezza e tre i verbali trascritti per illeciti amministrativi per navigazione per un importo finale di 519 euro. Cinque verbali per ormeggio sottocosta per un importo complessivo di 865 euro, oltre alla rimozione coatta delle stesse imbarcazioni. Una ispezione a bordo del traghetto di proprietà della Virtu Ferries, «Maria Dolores». Promossa a livello nazionale dalla Guardia Costiera, il natante ha evidenziato una soddisfacente preparazione dell’equipaggio nello svolgimento delle procedure di emergenza, abbandono nave ed esercitazione antincendio, poste in essere.

Inoltre, dieci sono stati gli interventi a tutela dell’ambiente marino tramite i campionamenti delle acque marine per la successiva analisi delle stesse presso i litorali di Maganuco, Donnalucata, Marina di Ragusa e Punta Secca. Cinque mila euro, invece, sono stati verbalizzati per pesca sottocosta. Per occupazione di demanio pubblico con tende e per occupazione del demanio marittimo con camper e autovetture, la Guardia Costiera di Pozzallo ha verbalizzato 71 infrazioni per un valore superiore alle 14 mila euro. Per lo spegnimento di fuochi in spiaggia, sono stati effettuati 58 interventi.

(Nella foto il comandante in seconda della Capitaneria di porto di Pozzallo Michele Maltese)