Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 778
POZZALLO - 06/08/2009
Cronache - Pozzallo: singolare tentativo di furto nella cittadina marinara

Ladri tentato di rubare una... piscina dalla bambinopoli

È successo nella notte fra martedì e mercoledì, a Pozzallo, nel quartiere Raganzino
Foto CorrierediRagusa.it

Ignoti hanno tentato di rubare nientemeno che... una piscina dalla bambinopoli (nella foto), ma hanno fallito nell’operazione, forse perché disturbati, nonostante l’ora tarda. Il singolare tentativo di furto si è registrato nella notte fra martedì e mercoledì, a Pozzallo, nel quartiere Raganzino, all’interno della bambinopoli, dove l’associazione «Charlie Chaplin», ogni sera, lavora, intrattenendo i bambini. È stato lo stesso presidente dell’associazione, Antonello Mineo, ad accorgersi, ieri mattina, che la piscina mancava di alcuni tasselli, segno evidente del tentato furto. Il ritrovamento, poi, di un giravite e di una pinza, lasciati vicino alla pisciona semirigida, non lasciava adito ad altri dubbi. Secondo quanto riferito dalle forze dell’ordine, non essendoci forzatura al lucchetto del cancello principale, è assai probabile che le persone abbiano scavalcato l’inferriata nel tentativo di sottrarre la piscina all’associazione.

Non sono ancora chiari le motivazioni (e su questo le forze dell’ordine stanno indagando, tenendo il più stretto riserbo sulle operazioni) che hanno spinto i presunti ladri a lasciare «incompiuto» il lavoro. Pare, comunque, che l’arrivo di qualche passante, nonostante si pensi che il furto possa essere stato compiuto nel cuore della notte, possa aver «disturbato» i ladri intenti nella sottrazione della grande vasca. I Carabinieri, inoltre, non escludono che, nel tentativo di rubare la piscina, possa essere una «baby-gang», formata solo da minorenni.

Le forze dell’ordine, già da ieri mattina, hanno sentito qualche residente della zona dov’è ubicata la bambinopoli, senza, però, trarre elementi utili che possano far ricostruire la dinamica del mancato furto. È la prima volta, in due anni di attività dell’associazione, che la struttura viene presa di mira da ignoti e alquanto maldestri ladri.