Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 855
POZZALLO - 18/07/2009
Cronache - Pozzallo: due rapinatori armati di pistola hanno atteso i dipendenti di buon mattino

Pozzallo: chiuso per rapina fino a lunedì l´ufficio postale

E’ stata intanto ritrovata l’auto usata dai malviventi Foto Corrierediragusa.it

Si sono portati via ben 40 mila euro senza colpo ferire. Hanno agito con freddezza i due rapinatori che ieri mattina hanno portato a segno il colpo in danno dell’ufficio postale di via Torino. I due malviventi, degli autentici professionisti, hanno atteso in auto l’arrivo di due dipendenti di «Poste Italiane». Erano le 7.50 quando gli impiegati si sono presentati al lavoro. Uno dei due rapinatori è sceso dalla macchina e, con una pistola, ha intimato ai dipendenti di aprire la porta sul retro dell’ufficio, quella che dà in via IV Novembre.

I terrorizzati dipendenti, senza dare nell’occhio, hanno fatto entrare il malvivente, subito raggiunto dal complice. Sotto la minaccia dell’arma i due rapinatori si sono fatti aprire la cassaforte, dov’erano contenuti i 40 mila euro delle pensioni Inpdap. Messo il denaro in una borsa, i due sono fuggiti a bordo dell’auto.

Immediato l’allarme lanciato dagli impiegati, che hanno chiamato il 112. Erano passate da poco le 8 quando i Carabinieri hanno raggiunto l’ufficio postale. Dalle testimonianze raccolte, pare che i due rapinatori fossero di aspetto giovanile e con una leggera inflessione catanese. E’ certo comunque che si tratta di professionisti, viste la precisione e la freddezza con le quali hanno agito. Malviventi bene informati, quasi certamente aiutati da un basista del luogo. Il fatto che fossero al corrente del deposito dei 40 mila euro delle pensioni Inpdap lascia pochi dubbi in questo senso. Non è al momento escluso che i due malviventi fossero armati non di un´arma vera, ma di una pistola giocattolo priva del tappo rosso.

Le indagini sono condotte dai Carabinieri della compagnia di Modica e della tenenza di Pozzallo, coordinati dal capitano Alessandro Loddo. I posti di blocco istituiti nel comprensorio non hanno finora sortito i risultati sperati. L’ufficio postale riaprirà al pubblico lunedì mattina.

E´ stata intanto ritrovata nelle campagne tra Sampieri e Marina di Modica la "Ford Focus" scura a bordo della quale i rapinatori si sono allontanati dopo il colpo. L´auto è risultata rubata qualche giorno fa a Catania, città dove si stanno concentrabdo le indagini dei Carabinieri, anche in base alle prove raccolte dalla scientifica sul mezzo.

(Nella foto la facciata dell´ufficio postale di via Torino)