Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 1031
POZZALLO - 08/07/2009
Cronache - Pozzallo: pattugliamento costante delle forze dell’ordine

Pozzallo: Carabinieri e Guardia costiera per spiagge sicure

Saranno una presenza costante tra i vacanzieri nel litorale grazie anche all’arrivo della stazione mobile

I Carabinieri del comando di tenenza di Modica saranno una presenza costante tra i vacanzieri nel litorale che va da Pozzallo a Donnalucata grazie anche all’arrivo della stazione mobile. L’automezzo, a cui faranno capo un maresciallo e due militari, servirà per ricevere eventuali denunce e dare assistenza alla popolazione in caso di necessità. Contemporaneamente saranno intensificati anche i controlli a piedi. I carabinieri di Modica hanno già intensificato i controlli al fine di presiedere le zone più strategiche e frequentate della città, con particolare riguardo alle aree pedonali e del lungomare. L’automezzo sarà ubicato, a Pozzallo, presso il lungomare Pietrenere.

Intanto i carabinieri hanno deferito in stato di libertà due genitori netini sorpresi a far mendicare i due figli minori di 7 e 8 anni tra i tavoli dei numerosi locali della «movida» pozzallese. Per loro l’accusa è di concorso in impiego di minori nell’accattonaggio.

Non è da meno la Guardia Costiera di Pozzallo, la quale, 24 ore su 24, soccorre quanti, in mare aperto, hanno bisogno di aiuto. È il caso dell’unita mercantile egiziana «Wady Alkarna», la quale ha chiesto l’intervento della capitaneria di porto di Pozzallo per un marinaio che da molte ore accusava dolori al basso ventre, col conseguente rischio di un blocco renale. Dopo qualche ora e dopo l’intervento dei militari della Guardia Costiera, l’egiziano veniva trasportato e soccorso una volta arrivato presso la banchina del porto pozzallese.

L’uomo, grazie al personale paramedico del 118 di Pozzallo, raggiungeva l’ospedale «Maggiore» di Modica nel primo pomeriggio dove veniva preso in cura dai medici del nosocomio ibleo.