Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 619
POZZALLO - 15/06/2009
Cronache - Pozzallo: i ladri avevano fallito la prima volta e ci hanno riprovato

Pozzallo: banda del buco maldestra svaligia la Conad

Presa di mira lo scorso weekend la sede di contrada Fargione, sita nell’area industriale Modica-Pozzallo

«Banda del buco» assai maldestra in azione due volte, nello scorso fine settimana, presso la sede Conad di contrada Fargione, sita nell’area industriale Modica-Pozzallo. Non contenti di aver fatto scattare l’allarme nella notte fra sabato e domenica scorsi, i tre (ma il numero è ancora al vaglio delle forze dell’ordine) ladri sono tornati nella notte fra domenica e lunedì al fine di forzare il «caveau» della società di distribuzione.

Secondo quanto riferito dalle forze dell’ordine, i ladri non hanno esitato ad effettuare un buco nel muro della stanza dove risiede il caveau, segno, questo, che i ladri conoscevano bene il luogo all’interno del quale hanno operato. Una volta davanti alla cassaforte, i tre hanno usato un flex per forare la parte anteriore della cassaforte, facendo, però, un buco troppo piccolo per poter prelevare, in poco tempo, l’intero ammontare. Il buco era così piccolo che i tre ladri hanno potuto inserire solo la mano al fine di prelevare pochi contanti.

Furbi sì ma alquanto maldestri. Vistisi con pochi soldi e col tempo che passava inesorabilmente, i tre ladri hanno pensato di tagliare la corda con una cifra assai modesta. È stato un dipendente della società di distribuzione a chiamare le forze dell’ordine i quali, nella mattinata di ieri, sono giunti presso la zona industriale per accertarsi dell’accaduto. I carabinieri, arrivati nella stanza del caveau, hanno trovato, fra le altre cose, una torcia accesa e tutti gli attrezzi utili per lo scasso. L’entità del furto non è stata comunicata, ma si sa che la cifra sottratta non è ingente.