Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 427
POZZALLO - 25/01/2009
Cronache - Pozzallo - Prosegue la "telenovela" della elementare Rapisardi

La scuola è sicura ma i genitori non credono al sindaco Sulsenti

Le lezioni si tengono nel pomeriggio nei locali della media Amore
Foto CorrierediRagusa.it

I genitori non mandano a scuola i figli e il dirigente scolastico trasferisce tutti presso un’altra scuola. È quanto successo nella mattina di ieri, presso la scuola «Rapisardi», balzata agli onori della cronaca, in questi giorni, per l’intonaco caduto da tetto. È stato il dirigente scolastico, Carmelo Macca, un po’ a sorpresa dopo le dichiarazioni di assoluta idoneità dei locali della scuola, ad emettere un avviso per genitori e studenti del plesso scolastico dove si annunciava che le lezioni si sarebbero tenute di pomeriggio e presso un altro edificio, ovvero la scuola «A. Amore». Una decisione non confermata dal diretto interessato ma presa con sofferenza dal preside, pressato in questi due giorni da molti genitori.

Proprio i genitori hanno intimato al dirigente scolastico che, se la scuola non fosse stata messa in sicurezza, i bambini sarebbero rimasti a casa. Di fronte a tale «aut-aut», era inevitabile, da parte del preside, trasferire tutti alla scuola «A. Amore», cosa che è avvenuta nel pomeriggio di ieri. Non si spigherebbe altrimenti la circolare, interna alla scuola, di due giorni fa, con tanto di firma del preside Carmelo Macca, dove testualmente si poteva leggere: "Si comunica al personale docente e ai genitori degli alunni che il dirigente dell’ufficio tecnico di Pozzallo, con nota n. 2316 del 26 gennaio 2009, ha assicurato che, allo stato attuale, le strutture del plesso in questione non presentano dissesti che possano far temere la pubblica incolumità e che, pertanto, l’attività scolastica può proseguire normalmente", così come non si spigherebbe il comunicato stampa diffuso da palazzo La Pira, dove si conferma ulteriormente che la scuola è strutturalmente sana.

Ieri mattina, invece, dopo solo due giorni, marcia indietro del dirigente scolastico, con il trasferimento dei ragazzi in altra sede. "Tale provvedimento – si legge nella nota diffusa ieri e fatta affiggere all’ingresso della scuola – resterà in vigore fino a quando non verranno completati i lavori in corso".

Intanto, fa ancora discutere l’atteggiamento «allarmistico» che hanno usato alcuni rappresentanti della minoranza, nonostante l’ufficio tecnico comunale, alcuni ingegneri dell’Università di Catania in visita alla scuola nella giornata di ieri, ed altri periti si siano espressi sulle condizioni della scuola, certificandone l’assoluta idoneità. "Purtroppo, ci meritiamo questa minoranza – dice il sindaco Peppe Sulsenti – Qualcuno strumentalizza e muove le folle, a proprio piacere, generando paure ingiustificate. La smettano – incalza Sulsenti - di dire menzogne ai cittadini".

(Nella foto in alto i genitori protestano dinanzi alla scuola Rapisardi)

Gli alberi caduti in viale Europa La messa in sicurezza della facciata della scuola "Rapisardi"