Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 628
POZZALLO - 27/12/2008
Cronache - Pozzallo - Il singolare episodio sulla spiaggia di Maganuco

Pozzallo: cane difende padrone da 2 randagi

E’ intervenuta anche la capitaneria di porto in soccorso dell’uomo Foto Corrierediragusa.it

Cane salva padrone dall’attacco di due randagi. È quanto successo sulla spiaggia di Maganuco, alle porte di Pozzallo, ad un pozzallese di 60 anni, durante la classica passeggiata che l’uomo compie ogni mattina in compagnia del suo pastore tedesco. Intorno alle ore 8, però, due randagi di grossa taglia, un rottwailer ed un pastore tedesco, forse attirati dal cane dell’anziano uomo, cominciano ad abbaiare contro l’uomo. Un altro uomo, scorgendo in lontananza l’accaduto, chiama i militari della capitaneria di porto di Pozzallo, chiedendo aiuto.

L’uomo aggredito, in primo momento, ha le mani sollevate come nell’atto di arrendersi e non fa un movimento. Due cani lo puntano a pochi centimetri di distanza e seguono tutti i movimenti del pozzallese. A difenderlo, il proprio pastore tedesco, l’unico a non far avvicinare troppo i due randagi al padrone.

All’arrivo dei militari, l’uomo era disteso per terra, nel tentativo di difendersi dall’attacco feroce dei due randagi. L’ingresso sulla spiaggia di un fuoristrada in dotazione alla Capitaneria di porto ha allontanato i due randagi e, nel contempo, ha permesso agli stessi di trasportare l’uomo presso l’infermeria della capitaneria, dove l’uomo ha ricevuto le prime cure. A conclusione della movimentata giornata, l’uomo ha raccontato ai militari che, senza la difesa del proprio cane, i guai, per il cittadino pozzallese, sarebbero stati decisamente più ingenti di quelli riportati.

L’uomo, dopo essere stato rifocillato, è stato riaccompagnato dove aveva lasciato la propria autovettura, per far ritorno a casa.

Per la cronaca, i due randagi, nonostante le ricerche degli uomini della Capitaneria, hanno fatto perdere le proprie tracce.