Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 19 Novembre 2018 - Aggiornato alle 11:38
POZZALLO - 30/10/2018
Cronache - A soccorrerlo un automobilista, pure lui pozzallese

Ritrovato sano a salvo il 28enne di Pozzallo Alessandro Fede

Ora è ricoverato all’ospedale "Maggiore" di Modica con una prognosi di un mese Foto Corrierediragusa.it

E’ stato ritrovato martedì mattina nei pressi della frazione balneare sciclitana di Sampieri Alessandro Fede (foto), il 28enne pozzallese disperso da giorni. A ritrovarlo è stato un automobilista, pure lui pozzallese, che lo ha riconosciuto sul ciglio della strada tra Sampieri e Cava D´Aliga e condotto alla stazione dei carabinieri di Pozzallo, da dove è stato trasferito in ambulanza all´ospedale "Maggiore" di Modica, dove è stato sottoposto immediatamente agli accertamenti e dove resta al momento è ricoverato con una prognosi di 30 giorni per una frattura al braccio sinistro, forse causato dall´incidente autonomo in auto di cui era stato suo malgrado protagonista nel giorno della scomparsa in contrada Bruffalori, nei pressi del passaggio a livello vicino Sampieri. Il ragazzo indossava jeans e maglia bianca, diversa da quella rossa che aveva addosso al momento della scomparsa.

Al momento del ritrovamento, il giovane era in stato confusionale. Nelle prossime ore sarà sentito dai militari per capire cosa sia successo in questi giorni al giovane e perchè non si è fatto vivo con i familiari, che avevano lanciato un appello per il ritrovamento. «Ho assistito Alessandro sin dal momento del ricovero – afferma il sindaco Roberto Ammatuna – e posso affermare che il suo stato di salute non presenta particolari gravità». «Abbiamo seguito per tutto il tempo l’evolversi della vicenda – continua il primo cittadino – in stretto contatto con il capitano dell’Arma dei carabinieri di Modica Francesco Ferrante, al quale vanno i miei più sentiti ringraziamenti per l’operato svolto, insieme agli uomini e alle donne della Protezione Civile e a quanti si sono impegnati per il ritrovamento del nostro concittadino».

«In questi giorni saremo vicini al giovane e alla sua famiglia – prosegue Roberto Ammatuna – come credo saranno anche i nostri concittadini che hanno seguito con trepidazione lo svolgimento della vicenda». «E’ un giorno felice per Pozzallo - conclude Ammatuna - perché si è risolto nel migliore dei modi una situazione che ha tenuto con il fiato sospeso tutta la città».