Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 11 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 0:08
POZZALLO - 16/07/2018
Cronache - Ricomincia il "valzer" di sbarchi e arresti

Undici scafisti tra i migranti sbarcati a Pozzallo dalle 2 navi in rada

Sbarcate anche donne denutrite e molte persone disidratate Foto Corrierediragusa.it

Ci sono 11 presunti scafisti nordafricani, tra cui il comandante dell´equipaggio, quest´ultimo però di nazionalità egiziana, tra i 393 migranti giunti a Pozzallo sulle navi Monte Sperone e Protector, che sono stati tutti sbarcati dopo l´attesa delle navi in rada. Prima i 184 uomini della Protector e successivamente anche i 209 della Monte Sperone. Per il viaggio della speranza erano dotati di bussole e dispositivi satellitari. Ricomincia insomma il "valzer" degli sbarchi con arresti di scafisti che contribuiscono ad affollare le già "traboccanti" carceri. Come se non bastasse, si registrano tantissimi casi di scabbia, donne denutrite, molte persone disidratate. Tutti sono ospitati all´hotspot del porto di Pozzallo, compresi gli scafisti, dove sono in corso le operazioni di identificazione e fotosegnalamento. Determinanti, per inchiodare i presunti scafisti alle loro responsabilità, si riveleranno le testimonianze e le dichiarazioni dei migranti.

Intanto quattro migranti, che insieme ad altre 26 si erano tuffate in mare, di fronte Linosa, alla vista delle navi Protector e Monte Sperone, dal barcone strapiano (447 persone) sono morti. Lo hanno dichiarato i migranti che poi erano stati trasbordati sulle due navi e portati a Pozzallo. Al comandante e ai 10 componenti l´equipaggio di scafisti che pilotavano il barcone la Procura di Ragusa ha contestato il reato di morte come conseguenza di altro delitto, oltre al favoreggiamento dell´immigrazione clandestina.

Come accennato, tutti sono stati ospitati temporaneamente nell´hotspot di Pozzallo in attesa di essere smistati tra Francia, Germania e Malta, a cui, come ha fatto sapere il ministro dell´Interno Matteo Salvini, si sono aggiunte anche Spagna e Portogallo. "Dopo Francia, Germania e Malta, anche Spagna e Portogallo hanno accettato di accogliere parte degli immigrati presenti sulle navi al largo della Sicilia - commenta Salvini - è una vittoria politica. Bene, fermezza e coerenza pagano, è finito il tempo di governi complici e pavidi. Abbiamo messo in salvo donne e bambini. Un ottimo lavoro di squadra di tutto il governo. Complimenti al nostro premier Conte. Il prossimo obiettivo, per stroncare una volta per tutte la mafia del traffico di esseri umani, sarà riaccompagnare gli immigrati dove sono partiti. In Italia, e in Europa - ha concluso Salvini - entra solo chi ha il permesso".

A queste si è aggiunta anche l’Irlanda che farà la sua parte nell’accoglienza ed è pronta a farsi carico di 20 dei migranti sbarcati. Lo rendono noto fonti di palazzo Chigi.