Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 11 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 0:08
POZZALLO - 15/07/2018
Cronache - Si tratta della Protector del dispositivo Frontex e del pattugliatore Monte Sperone

La nuova "moda" delle navi cariche di migranti che si fermano al largo di Pozzallo

Inviati viveri a bordo da parte del comune marinaro Foto Corrierediragusa.it

Si è sbloccata la situazione delle 2 navi ferme al largo di Pozzallo: si tratta della nave Protector del dispositivo Frontex e del pattugliatore Monte Sperone della Guardia di finanza che sabato hanno soccorso un barcone con 450 migranti vicino all’isola di Linosa. Nella notte è stata effettuata una ricognizione da parte del medico marittimo di Pozzallo Vincenzo Morello, e altri operatori sanitari su nave Monte Sperone della guardia di finanza, sulla quale sono presenti molti minorenni. Non ci sono state evacuazioni mediche. Alle navi sono stati consegnati viveri e bevande sufficienti per almeno altre 24 ore, tra cui anche omogeneizzati, latte e succhi di frutta, per i bambini, e mascherine e vestiti per eventuali necessità. A organizzare la consegna è stato il Comune di Pozzallo, col coordinamento della Prefettura di Ragusa. Non è prevista al momento alcuna fornitura di farmaci, di cui le navi militari sono dotate. Il sindaco Roberto Ammatuna ha diramato una nota in cui dice: "Sappiamo che il governo farà la sua parte ma noi dobbiamo essere messi nelle condizioni di poter operare al meglio perchè a bordo di quelle navi ci sono persone che soffrono".

Una donna incinta e i suoi figli che erano a bordo del pattugliatore Monte Sperone della guardia di finanza, ancora in rada a Pozzallo, sono stati recuperati e portati a terra per assistenza medica. E´ il quinto soccorso medico che è effettuato in questi giorni dalle due imbarcazioni. Intanto il ministro dell´Interno Matteo Salvini, a proposito della nota mandata dalla Farnesina alle ambasciate Ue, resta fermo sulle sue posizioni: «Aspetto fatti e non parole - dice -, come negli ultimi anni, ma fatti concreti». Salvini ha aggiunto che si attende «uomini, soldi, revisioni delle normative, aiuto. Fatti». Salvini, infine, ha ribadito il suo plauso al premier: «Conte è veramente bravo».

Il premier Giuseppe Conte, dopo una lunga telefonata con Salvini, ha lavorato «per un accordo con gli altri paesi Ue per una redistribuzione immediata dei 450», avvertendo che se non ci sarebbero state risposte ai 450 non sarebbe stato consentito di sbarcare in Italia. Le due ipotesi alternative sono «contatti con la Libia per il loro eventuale rientro sulle coste libiche da dove sono partiti o la permanenza a bordo delle navi dove fare riconoscimenti ed esame richieste», aveva precisato Conte. Poi la risposta di Francia e Malta, che «prenderanno rispettivamente 50 persone dei 450 migranti trasbordati sulle due navi militari». A queste due si è aggiunta anche la Germania, che, secondo fonti del governo, dovrebbe accoglierne a sua volta altri 50.