Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 19 Novembre 2018 - Aggiornato alle 18:49
POZZALLO - 26/05/2018
Cronache - L’uomo ha fatto scena muta in sede di interrogatorio

Non risponde al giudice il 79enne che ha sparato alla badante

La vittima resta ricoverata in prognosi riservata, ma è cosciente Foto Corrierediragusa.it

Si è avvalso della facoltà di non rispondere dinanzi al giudice per le indagini preliminari del tribunale di Ragusa (foto) in sede di interrogatorio di garanzia il 79enne pozzallese arrestato dai carabinieri per il tentato omicidio della badante venezuelana di 34 anni. L´episodio si è verificato nella casa dell´anziano in via Fermi, dove l´uomo vive con la moglie malata, accudita proprio dalla badante contro la quale ha esploso un paio di colpi con una pistola giocattolo illegalmente modificata, colpendola al polso e all´addome. La donna resta ricoverata, ma è cosciente. L´uomo invece si trova ai domiciliari nella stessa abitazione dove è accaduto tutto.

Il fragore degli spari aveva fatto scattare l´allarme: era arrivato il figlio dell´uomo, che abita altrove, chiamato dalla stessa badante ferita. Il figlio, dopo una breve colluttazione, era riuscito a disarmare l´anziano padre e a calmarlo. Erano arrivati anche i carabinieri e l´ambulanza. L´uomo era stato quindi trasportato all´ospedale Maggiore assieme alla donna ferita. Quest´ultima era stata immediatamente operata. Il 79enne era rimasto piantonato nel nosocomio dai militari il tempo necessario alle cure per i microtraumi riportati nella breve colluttazione con il figlio, che aveva agito per renderlo inoffensivo ed evitare il peggio. L’uomo era stato successivamente arrestato.

Stando a quanto accertato dai militari in questa prima fase delle indagini, pare che il 79enne abbia perso il controllo in maniera repentina. In casa peraltro, come accennato, abitava anche l´anziana coniuge dell´uomo, da anni fortemente debilitata a causa di una malattia. Una coppia definita dai vicini come tranquilla e discreta. Non si sa dunque con assoluta certezza cosa sia scattato nella testa del 79enne per indurlo a compiere un simile gesto. La 34enne venezuelana abitava da tempo nella casa degli anziani coniugi e assisteva anche la moglie del 79enne. La badante aveva però negli ultimi tempi manifestato l´intenzione di tornarsene in patria.