Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 20 Maggio 2018 - Aggiornato alle 16:31
POZZALLO - 09/05/2018
Cronache - Dopo il colpo ai danni di una gioielleria che segue gli altri dei giorni scorsi

Decise le ronde private contro i furti con spaccata a Pozzallo

Presente al vertice di Confcommercio anche il sindaco Roberto Ammatuna Foto Corrierediragusa.it

I locali della sezione cittadina dell’Ascom di Pozzallo hanno ospitato martedì sera il vertice di categoria voluto da Confcommercio provinciale Ragusa (foto) dopo il pesante episodio del furto con spaccata ai danni di una gioielleria di corso Vittorio Veneto nella notte tra lunedì e martedì scorsi, ennesimo fatto delittuoso con modalità analoghe verificatosi in città. La riunione, che ha visto la presenza dei componenti del direttivo dell’associazione di categoria, si è tenuta alla presenza del sindaco Roberto Ammatuna, con il presidente provinciale Confcommercio Ragusa Gianluca Manenti ed il presidente provinciale Federpreziosi Ragusa Enzo Buscemi. A fare gli onori di casa il presidente sezionale Giuseppe Cassisi. E’ stato concordato di mettere in campo tutta una serie di interventi operativi che, portati avanti nel corso di questi ultimi giorni, in maniera congiunta all’amministrazione comunale, serviranno per sensibilizzare le istituzioni preposte a dare delle risposte incisive sul territorio.

Non è da escludere che possano tenersi manifestazioni di massa per le vie di Pozzallo, proprio allo scopo di sensibilizzare chi di dovere a fornire dei riscontri efficaci. Inoltre, i commercianti del direttivo Ascom si dicono convinti che è necessario adoperarsi per finanziare l’intervento di una ronda privata che possa svolgere il proprio servizio in città durante le ore notturne. Chiesta, in ogni caso, una maggiore presenza da parte delle forze dell’ordine. Un aspetto che, come è emerso nel corso della riunione di ieri sera, per il momento sembra mancare.

«Solleciteremo risposte concrete, se necessario – sottolinea il presidente provinciale Manenti – anche al ministero. Chiediamo di essere sostenuti e appoggiati con fatti concreti. Quanto accaduto è di una gravità inaudita per il futuro dei nostri commercianti che, naturalmente, hanno tutti timore di essere le prossime vittime dei furti con spaccata. Ringraziamo il sindaco Ammatuna che ha voluto interagire con la nostra associazione per cercare di trovare una linea comune». Federpreziosi è stata presente all’incontro per manifestare solidarietà al gioielliere. Il direttivo condividerà con gli associati le proposte emerse nel corso della riunione di ieri sera.

POZZALLO SOTTO ASSEDIO DEI LADRI
«La città di Pozzallo è sotto assedio». E’ duro il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti, nel denunciare che nella città marittima, la scorsa notte, è stato perpetrato un altro furto con spaccata. L’ennesimo dopo che l’ultimo si era verificato ai danni di un bar di via Papa Giovanni XXIII appena lo scorso weekend. Stavolta, ad essere presa di mira la gioielliera di corso Vittorio Veneto. «Un altro furto con spaccata – afferma Manenti – un altro grave danneggiamento, oltre ai preziosi che sono stati trafugati. Danni per decine di migliaia di euro che il commerciante in questione dovrà sobbarcarsi tutti sulle proprie spalle. Appena lunedì scorso eravamo stati ricevuti dal prefetto Filippina Cocuzza, che ringraziamo per averci accolto, per esporre la gravità della situazione. E, guarda caso, proprio poche ore dopo si è verificato quest’altro pesantissimo episodio. E’ naturale che i commercianti non possano più dormire sonni tranquilli.

Saremo costretti a fare le ronde notturne? Speriamo di no. Ma la situazione è davvero molto pesante». Il presidente provinciale Manenti, con il presidente sezionale Giuseppe Cassisi, annunciano che questa sera, nella sede cittadina dell’associazione di categoria, è stata convocata d’urgenza una riunione di tutti gli associati per verificare se e quali iniziative eclatanti eventualmente adottare. «Come abbiamo avuto modo di verificare – sottolinea ancora Manenti – la questione è molto seria. E non possiamo perdere altro tempo. Bisogna dare una risposta».

LA SOLIDARIETA´ DI FEDERPREZIOSI AL GIOIELLIERE DERUBATO
«Pare che anche la criminalità ora adotti procedure ben precise e codificate. La «spaccata» è la modalità con cui da sud a nord vengono aggredite le nostre gioiellerie. E i furti si susseguono a ritmo incalzante». A dirlo è il presidente provinciale Federpreziosi Ragusa Enzo Buscemi, il quale sottolinea che «dobbiamo dormire tranquilli, non possiamo essere costantemente sotto attacco». «Siamo naturalmente vicini – continua Buscemi - all´amico Pinuccio Roccasalvo, il gioielliere di Pozzallo vittima nel corso di quest’ultima notte di un episodio criminoso che danneggia il lavoro di una intera vita. Dobbiamo reagire e far sentire la nostra voce, non possiamo continuare a svolgere le nostre attività - conclude Buscemi - con il terrore di essere aggrediti».

INTERROGAZIONE URGENTE DELLE OPPOSIZIONI AL SINDACO
L´ultimo furto con spaccata della scorsa notte ai danni di una gioielleria di corso Vittorio Veneto ha acuito il già alto allarme sociale, con commercianti e residenti seriamente preoccupati. L´ultimo colpo alla gioielleria ha causato danni ingenti, per un bottino di migliaia di euro. Si tratta del terzo colpo consecutivo in pochi giorni, peraltro in zone centrali della cittadina marinara. Alla luce di tutto questo i consiglieri di opposizione presenteranno una interrogazione urgente al sindaco Roberto Ammatuna riguardo al livello di sicurezza nel territorio comunale e sull’attività di contrasto agli episodi di microcriminalità.

«Chiediamo al primo cittadino e alla sua giunta - si legge nella nota - se nella propria azione amministrativa è da considerare prioritario lo studio e l´adozione di un «pacchetto sicurezza» che preveda le seguenti possibilità: richiesta convocazione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica anche in accordo con i Comuni limitrofi, per predisporre un piano articolato di prevenzione e repressione della criminalità, e azioni di maggior presidio del territorio da parte delle forze di pubblica sicurezza (polizia di Stato, carabinieri e guardia di finanza) e della polizia municipale».

Tra le altre richieste dei consiglieri quelle di istituire, se possibile, «il terzo turno fisso di pattugliamento notturno del territorio comunale, di informare i cittadini sulle azioni intraprese e da intraprendere al fine di assicurare il rispetto della legalità, rafforzare e allargare la videosorveglianza, convocare un consiglio comunale - chiude la nota - per affrontare la questione sicurezza».

GIUNTA COMUNALE: "BASTA CON GLI INCONTRI FORMALI, BISOGNA AGIRE"
Intanto da Palazzo La Pira arriva una nota dell´amministrazione comunale che si dice solidale con commercianti e cittadini. "L’ennesimo atto delinquenziale ai danni di un’attività commerciale, verificatosi la scorsa notte, con lo sfondamento della vetrina di una gioielleria di corso Vittorio Veneto - si legge nella nota della giunta comunale - evidenzia una sfrontatezza senza limiti. In pieno centro urbano, l’atto delinquenziale non è stato semplice e ha richiesto, per le modalità con le quali è stato commesso, certamente del tempo. Come è possibile che si possa agire indisturbati? La città di Pozzallo s’interroga su questi fatti, il limite di ogni sopportazione è oramai travalicato.

Non sembrano più sufficienti assicurazioni, riunioni, incontri: ad una situazione di emergenza, peraltro da sempre estranea a alla cultura dei pozzallesi, occorre dare risposte di emergenza. La città - prosegue la nota - attende non impegni formali, ma iniziative sostanziali che risolvano il problema, individuando i responsabili di tali atti e assicurando una maggiore presenza delle forze dell’ordine, per mettere in campo una efficiente azione preventiva che restituisca serenità alla nostra comunità. L’Amministrazione Comunale - chiude la nota - manifesta dunque la propria vicinanza ai commercianti e ai cittadini vittime in queste settimane da questi episodi delinquenziali".