Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 14 Novembre 2018 - Aggiornato alle 15:14
POZZALLO - 08/05/2018
Cronache - La lunga sequela di furti, con spaccata e non, sta generando parecchia preoccupazione

Pozzallo violenta: sindaco chiamato in causa. Giunta: "Bisogna agire"

Chiesta la creazione di un "Pacchetto sicurezza" Foto Corrierediragusa.it

L´ultimo furto con spaccata della scorsa notte ai danni di una gioielleria di corso Vittorio Veneto ha acuito il già alto allarme sociale, con commercianti e residenti seriamente preoccupati. L´ultimo colpo alla gioielleria ha causato danni ingenti, per un bottino di migliaia di euro. Si tratta del terzo colpo consecutivo in pochi giorni, peraltro in zone centrali della cittadina marinara. E poi inquieta anche l´episodio dei 2 tunisini ubriachi, che, armati di coltello e bastone, hanno danneggiato un bar, mettendo a repentaglio la sicurezza degli avventori, prima che venissero tempestivamente bloccati ed arrestati dai militari della Guardia di finanza. Alla luce di tutto questo i consiglieri di opposizione presenteranno una interrogazione urgente al sindaco Roberto Ammatuna riguardo al livello di sicurezza nel territorio comunale e sull’attività di contrasto agli episodi di microcriminalità.

«Chiediamo al primo cittadino e alla sua giunta - si legge nella nota - se nella propria azione amministrativa è da considerare prioritario lo studio e l´adozione di un «pacchetto sicurezza» che preveda le seguenti possibilità: richiesta convocazione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica anche in accordo con i Comuni limitrofi, per predisporre un piano articolato di prevenzione e repressione della criminalità, e azioni di maggior presidio del territorio da parte delle forze di pubblica sicurezza (polizia di Stato, carabinieri e guardia di finanza) e della polizia municipale».

Tra le altre richieste dei consiglieri quelle di istituire, se possibile, «il terzo turno fisso di pattugliamento notturno del territorio comunale, di informare i cittadini sulle azioni intraprese e da intraprendere al fine di assicurare il rispetto della legalità, rafforzare e allargare la videosorveglianza, convocare un consiglio comunale - chiude la nota - per affrontare la questione sicurezza».

GIUNTA COMUNALE: "BASTA CON GLI INCONTRI FORMALI, BISOGNA AGIRE"
Intanto da Palazzo La Pira arriva una nota dell´amministrazione comunale che si dice solidale con commercianti e cittadini. "L’ennesimo atto delinquenziale ai danni di un’attività commerciale, verificatosi la scorsa notte, con lo sfondamento della vetrina di una gioielleria di corso Vittorio Veneto - si legge nella nota della giunta comunale - evidenzia una sfrontatezza senza limiti. In pieno centro urbano, l’atto delinquenziale non è stato semplice e ha richiesto, per le modalità con le quali è stato commesso, certamente del tempo. Come è possibile che si possa agire indisturbati? La città di Pozzallo s’interroga su questi fatti, il limite di ogni sopportazione è oramai travalicato.

Non sembrano più sufficienti assicurazioni, riunioni, incontri: ad una situazione di emergenza, peraltro da sempre estranea a alla cultura dei pozzallesi, occorre dare risposte di emergenza. La città - prosegue la nota - attende non impegni formali, ma iniziative sostanziali che risolvano il problema, individuando i responsabili di tali atti e assicurando una maggiore presenza delle forze dell’ordine, per mettere in campo una efficiente azione preventiva che restituisca serenità alla nostra comunità. L’Amministrazione Comunale - chiude la nota - manifesta dunque la propria vicinanza ai commercianti e ai cittadini vittime in queste settimane da questi episodi delinquenziali".

Nella foto la via Vittorio Veneto a Pozzallo, dove si è verificato l´ultimo furto con spaccata i danni di una gioielleria