Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 23 Luglio 2018 - Aggiornato alle 19:20
POZZALLO - 06/05/2018
Cronache - Lunedì vertice in prefettura su richiesta di Confcommercio

Furto con spaccata in un bar colpito 2 volte in un mese a Pozzallo

I commercianti non ne possono più di questa spiacevole situazione Foto Corrierediragusa.it

Un altro furto con spaccata nella notte a Pozzallo. L’episodio è accaduto in via Papa Giovanni, zona centralissima della città, e ad essere preso di mira è stato lo stesso bar dell’altra volta, di conseguenza colpito due volte in un mese (nella foto la vetrica frantumata). «Arriva a proposito – sottolinea il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti – il confronto convocato, su nostra richiesta, dal prefetto di Ragusa, Filippina Cocuzza, in programma per lunedì. L’esasperazione è ormai alle stelle. I commercianti non ne possono più di questa spiacevole situazione. I danni che sono periodicamente costretti a subire parlano chiaro circa la gravità del fenomeno con cui ci stiamo confrontando».

IL CONVOCATO VERTICE IN PREFETTURA
Furti con «spaccata». Il ripetersi di episodi delinquenziali con questo tipo di tecnica in vari centri del territorio, da Chiaramonte a Pozzallo, ha indotto la Confcommercio a chiedere un incontro con il prefetto. Lunedì i vertici provinciali della categoria con in testa il presidente Gianluca Manenti discuteranno del problema con il prefetto Pina Cocuzza. «Le nostre sollecitazioni –sottolinea Manenti– sono state accolte. Manifesteremo le istanze delle Ascom cittadine coinvolte dopo i numerosi fatti succedutisi negli ultimi giorni e che non hanno fatto dormire sonni tranquilli agli operatori del settore. Sono convinto che dopo lunedì usciremo con le idee più chiare sulle ipotesi risolutive che si prefiggono di contenere il triste fenomeno della delinquenza che non risparmia le attività commerciali».