Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 623
POZZALLO - 06/11/2008
Cronache - Pozzallo - Vasta operazione di controllo dei Carabinieri

Pozzallo: pesce sotto misura, 6 denunce

Effettuata una serie di interventi nelle pescherie della città
Foto CorrierediRagusa.it

Sei denunciati all’autorità giudiziaria per commercio di pesce sotto misura è l’esito di una vasta operazione dei carabinieri di Modica nel centro marittimo di Pozzallo. I controlli per alcuni esercenti che vendono pesce al dettaglio, a Pozzallo, seguono quelli effettuati, nei giorni scorsi, dai militari della Capitaneria di porto del centro marittimo. Tale attività viene periodicamente svolta proprio nei periodi post-festivi durante i quali vi è una maggiore attività di commercializzazione e vendita di prodotti ittici e di conseguenza divengono anche più frequenti le violazioni in materia.

I Carabinieri della Compagnia di Modica, in servizio operativo a Pozzallo, nell’ambito dei controlli finalizzati alla vigilanza sul settore ittico, disposti dal comando carabinieri per la tutela della salute, hanno disposto una serie di interventi nelle pescherie della città di Pozzallo al fine di reprimere il commercio irregolare e tutelare la salute pubblica dei consumatori. Il risultato di questa operazione è stato assai lusinghiero, per le forze dell’ordine.

Infatti, sei persone sono state denunciate per il reato di detenzione, esposizione e messa in commercio di prodotto ittico sotto misura. Come è noto, difatti, la normativa nazionale e comunitaria vieta di trasportare, detenere, commercializzare o somministrare prodotti ittici di taglia inferiore a quella indicata. A farne le spese, sono state due pescherie del centro marittimo. Al termine del servizio da parte delle forze dell’ordine, sono stati sequestrati complessivamente circa 18 kilogrammi di novellame, illecitamente posto in vendita. Come succede sempre in questi casi, il pescato posto sotto sequestro è andato in beneficenza presso un’associazione onlus, visto che, comunque, il pescato è risultato idoneo per la consumazione.