Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 20 Settembre 2017 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 851
POZZALLO - 09/09/2017
Cronache - Si indaga anche sul cosiddetto "sbarco fantasma" di Randello

Identificati i 2 scafisti dello sbarco

Tutti sono stati condotti all’hot spot della cittadina marinara iblea Foto Corrierediragusa.it

C’era anche un neonata salvata due volte tra i 230 migranti giunti venerdì al porto di Pozzallo a bordo di una nave che li aveva recuperati in mare aperto, mentre erano alla deriva stipati su due gommoni. Le consuete indagini hanno portato all’identificazione dei due presunti scafisti che avrebbero fatto partire il folto gruppo dalle coste libiche. Si tratta di un senegalese 30enne e di un minore di 17 anni del Gambia. Mentre per quest’ultimo è scattata solo la denuncia, il presunto scafista originario del Senegal è stato arrestato assieme ad un altro migrante, già noto per vari reati e che, nonostante dovesse scontare la pena di 8 mesi, con la conseguente espulsione dall’Italia, vi aveva fatto ritorno, mimetizzato tra gli altri migranti provenienti dal centro Africa e trattati in condizioni pietose, ai limiti del sostenibile, durante la dura traversata. Tra loro, come accennato, anche una neonata venuta alla luce in mare aperto e dal quale è stata tratta in salvo.

La piccola è stata strappata alla morte una seconda volta, quando per complicanze era andata in arresto cardiaco. Ora sta bene e le sue condizioni cliniche sono giudicate buone, come quelle della madre. Il trend degli sbarchi a Pozzallo è in diminuzione, visto che fino ad oggi se ne sono registrati poco più di 10 mila contro i quasi 18 mila 500 dello scorso anno. E’ di conseguenza sceso anche il numero di scafisti fermati: 76, tra cui 6 minori quest’anno, contro i 200, di cui 29 minorenni, del 2016. I 230 migranti sbarcati ieri sono ospitati all’hot spot della cittadina marinara iblea in attesa di essere trasferiti in altri centri.

Proseguono invece le indagini sul cosiddetto "sbarco fantasma" di Randello, nel cui tratto di mare antistante la spiaggia è stata trovata arenata una barca di legno di quasi sette metri con 2 motori fuoribordo e, all´interno, viveri e vestiti. Nessuna traccia di eventuali migranti. Solo uno è stato trovato nelle campagne di Scoglitti e condotto all´hot spot di Pozzallo. La sua testimonianza potrebbe fare luce sulla vicenda