Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 24 Novembre 2017 - Aggiornato alle 0:31 - Lettori online 363
POZZALLO - 22/04/2017
Cronache - Stories sempre più crude

Migranti morti di stenti e un arresto

Agli arresti è finito un 19enne del Gambia Foto Corrierediragusa.it

E’ stato arrestato il presunto scafista dello sbarco di 143 migranti verificatosi a Pozzallo. Si tratta di un 19enne del Gambia. Insomma, uno scafista poco più che ragazzino fattosi carico di questo pesante fardello per viaggiare gratis. Impressionanti i racconti dei clandestini, spesso costretti a sopportare angherie nonostante abbiano pagato fior di quattrini per un viaggio della speranza duro e pieno di rischi, anche mortali. In Libia i migranti sarebbero stati costretti a pagare per avere del cibo all’interno dei capannoni prima della partenza. I migranti hanno riferito di violenze e morti di migranti privi di denaro per pagarsi da mangiare. Racconti crudi che testimoniano come gli organizzatori di questi viaggi, ad oggi rimasti impuniti, si rivelino sempre più privi di scrupoli.

In queste ore si sta gestendo il trasferimento dei migranti giunti in queste ultime ore al porto di Pozzallo verso strutture individuate sul territorio nazionale dalla prefettura. Nel 2017 all’hotspot della cittadina marinara iblea hanno già fatto ingresso oltre tremila migranti in occasione di 10 approdi. Nel 2016 erano arrivati complessivamente 18 mila 488 migranti in 56 sbarchi.