Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 20 Agosto 2017 - Aggiornato alle 11:02 - Lettori online 621
POZZALLO - 01/03/2017
Cronache - Successe nel dicembre 2014

Non era terrorista Isis: assolto

Lo ha deciso il gup del tribunale di Catania Foto Corrierediragusa.it

Era stato arrestato in quanto ritenuto dagli inquirenti un terrorista vicino all’Isis. Ora è stato assolto perché il fatto non sussiste. Si tratta del siriano di 22 anni, Mourad el Ghazzaoui, imputato al tribunale di Catania per partecipazione e associazione per delinquere con finalità di terrorismo anche internazionale. La sentenza è stata emessa dal gup Giancarlo Cascino per "insufficienza e contraddittorietà della prova" a conclusione del processo col rito abbreviato. L´imputato, sbarcato il 4 dicembre 2014 al porto di Pozzallo, era accusato di avere collegamenti con cellule della Jihad. Per questo motivo era stata chiesta la sua condanna a quattro anni di reclusione. Secondo la procura, l´imputato faceva parte di un gruppo armato affiliato all´Isis di matrice integralista islamica. Il legale ha sostenuto, invece, che il suo assistito fosse partito dalla Siria per raggiungere dei familiari in Germania. Detenuto a Sassari, in Sardegna, l´uomo è stato scarcerato dopo la sentenza assolutoria.

Il siriano, come accennato, era arrivato a Pozzallo sulla nave lussemburghese Bourbon Argos il 4 dicembre 2015, che aveva soccorso 523 migranti nel canale di Sicilia, alla deriva su un gommone e un barcone. Lui era su quest´ultima imbarcazione, proveniente dalla Libia, come passeggero. Fu fermato dopo indagini eseguite dalla polizia e gli furono sequestrati telefoni cellulari, alcuni di ultima generazione.

Dai primi controlli emerse la presenza di immagini che, secondo la procura distrettuale di Catania, "facevano ritenere possibile la vicinanza dell´indagato a gruppi armati affiliati all´Isis e combattenti in Siria. Ulteriori files video e audio – secondo la Dda etnea - corroboravano il quadro indiziario, nel senso dell´appartenenza dell´indagato a un gruppo armato affiliato all´Isis di matrice integralista islamica".