Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:42 - Lettori online 1140
POZZALLO - 25/09/2008
Cronache - Pozzallo - La bravata di ignoti vandali. Indagano i Carabinieri

Pozzallo: incendio doloso al cimitero

Il deputato Ammatuna condanna l’accaduto Foto Corrierediragusa.it

Ritornano i vandali a Pozzallo. Dopo un periodo di relativa calma, la città rivierasca ritorna ad essere bersaglio di qualche esagitato che, intrufolatosi nel cuore della notte all’interno del cimitero comunale, ha bruciato l’impalcatura di un loculo in costruzione. Non contenti di essersi resi protagonisti di questa scelleratezza, gli stessi vandali hanno accatastato del legname per poi bruciarlo.

A farne le spese anche parte dell’attrezzatura della ditta che ha in appalto i lavori, andata parzialmente bruciata dal rogo acceso e subito spento dalla pioggia che, l’altra notte, si è abbattuta su Pozzallo. E’ stato il titolare della ditta, ieri mattina, ad avvisare le forze dell’ordine. I Carabinieri di Pozzallo, arrivati sul posto, hanno accertato i danni. Lo stesso titolare della ditta ha dichiarato ai Carabinieri che, pur non avendo mai ricevuto minacce, ha già subito, in passato, atti vandalici simili.

Il deputato del Partito Democratico, Roberto Ammatuna, condanna l’accaduto: "Non posso non manifestare – ha dichiarato il deputato pozzallese - la mia preoccupazione per l’incendio all’impalcatura di un loculo in costruzione, avvenuto stamani all’interno della parte più antica del cimitero comunale di Pozzallo. In passato ho sempre denunciato con forza gli attentati incendiari di matrice dolosa che si sono verificati e credo che, anche questa volta, bisogna mantenere la guardia sempre alta. Saranno naturalmente gli inquirenti ad accertare l’origine di quest’ultimo evento incendiario ma rimane il fatto che la sensazione di preoccupazione è molto diffusa – conclude Ammatuna - fra gli operatori ed i cittadini".