Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 1018
POZZALLO - 05/10/2016
Cronache - E’ la prima volta che un intero nucleo familiare finisce in manette

Arrestata famiglia intera per spaccio di droga in casa

Dall’appartamento venivano spacciati hashish e marijuana anche ai minorenni Foto Corrierediragusa.it

Un´intera famiglia di Pozzallo finisce in manette per detenzione di droga ai fini dello spaccio: padre, madre, i due figli e la fidanzata di uno di questi ultimi due sono stati arrestati in quanto, stando alle indagini, avrebbero spacciato marijuana e hashish dal loro appartamento, divenuto in breve meta di decine di assuntori di droga, al punto da mettere sul chi vive i residenti, che hanno lanciato l´allarme. Le manette sono scattate per il capofamiglia N.D.L., 53 anni, per la moglie T.R., di 46, e per i figli A.D.L. e S.D.L., di 27 e 23 anni, oltre che per la fidanzata 18enne di quest´ultimo, M.C. I militari hanno ritenuto opportuno non divulgare i nomi del nucleo familiare, che, secondo le loro indagini, era dedito allo spaccio, anche a soggetti minorenni, diramando solo le iniziali, nonostante siano scattati gli arresti. Proprio tre minori erano usciti dallo stabile mentre i militari si preparavano al blitz. Addosso avevano due grammi e mezzo di stupefacente tra hashish e marijuana e pertanto sono stati segnalati alla prefettura di Ragusa quali assuntori. Dopo l´irruzione nell´appartamento, i carabinieri hanno trovato i già citati padre, madre, due figli e la fidanzata di uno di quest’ultimi, nonché altri tre giovani, di cui uno minorenne, appena giunti probabilmente per acquistare qualche dose di stupefacente.

I militari hanno notato, sparsi nelle varie stanze, diversi residui di sostanze stupefacenti, in particolare, in alcuni posacenere, vi erano svariati spinelli da poco spenti e, su un tavolino, i cosiddetti «bong», o «pipe ad acqua», utilizzati per il consumo di hashish e marijuana. Quindi i carabinieri hanno subito proceduto ad una approfondita perquisizione personale e domiciliare, nel corso della quale hanno trovato la conferma di quanto sospettato. Infatti, nella camera da letto, ben nascosto, hanno trovato un involucro in cellophane contenente circa 90 grammi di marijuana, già suddivisa in dosi, nonché 3 grammi di hashish e diverso materiale per il taglio, il confezionamento e la pesatura della sostanza stupefacente. Nascosta nel mobile di uno sgabuzzino chiuso a chiave e che la madre di famiglia ha aperto solo dopo essere più volte stata esortata dai militari a farlo, c´era una scatola di cartone con all’interno numerose dosi di marijuana per circa 250 grammi, ulteriori dosi di hashish per un peso di circa 170 grammi, altro materiale per il confezionamento, taglio e pesatura della sostanza, nonché la somma in contanti di circa 400 euro in banconote di vario taglio, verosimilmente provento dell’attività di spaccio.

Dopo le formalità di rito, gli uomini sono stati rinchiusi nel carcere di Ragusa, mentre le donne sono state condotte nella casa circondariale di Piazza Lanza a Catania. E´ la prima volta che negli Iblei si registra l´arresto di un intero nucleo familiari per reati di droga.