Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 925
POZZALLO - 27/09/2016
Cronache - Si tratta di 2 catanesi: la donna è incensurata

Padre e figlia in auto con 50 chili hashish

Volevano imbarcarsi in catamarano per Malta Foto Corrierediragusa.it

Padre e figlia viaggiavano in auto con 50 chili di hashish e marijuana, con un bambino di 3 anni a bordo. Per questo reato i carabinieri e le fiamme gialle hanno arrestato i catanesi Nicola Musumeci e la figlia Giusi, di 46 e 20 anni, quest’ultima incensurata. I militari hanno rinvenuto un grosso borsone con all’interno 20 chili di hashish, suddivisi in 38 panetti, e circa 30 chili di marijuana, suddivisa in 30 imballaggi in cellophane. L’uomo e la donna, quest’ultima, come accennato, con il giovane figlio di tre anni al seguito al fine di non destare sospetti e apparire come un normale nucleo familiare, a bordo della loro autovettura, si erano diretti al porto di Pozzallo e stavano effettuando l’imbarco sul catamarano diretto a Malta ma, nel corso dei controlli di sicurezza effettuati, hanno manifestato segni di nervosismo tali da insospettire i militari. Padre e figlia sono stati tratti in arresto per il reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio in concorso. L’uomo, nullafacente, è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa mentre la figlia è stata sottoposta agli arresti domiciliari.

L’intero quantitativo di sostanza stupefacente è stato sequestrato (foto) e inviato al laboratorio di analisi dell’Asp di Ragusa mentre le indagini proseguono per addivenire ai canali di approvigionamento della droga da parte dei due catanesi, che, secondo gli inquirenti, fungevano da corrieri per conto terzi forse riconducibile ad una organizzazione maltese, considerato che la droga era destinata proprio all’isola dei cavalieri.