Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 438
POZZALLO - 11/08/2016
Cronache - La decisione del giudice

Ricettazione: arresto non convalidato

L’uomo è stato rimesso in libertà Foto Corrierediragusa.it

Non è stato convalidato l´arresto di Leonardo Gambuzza, 41 anni, eseguito dai carabinieri di Pozzallo per il reato di ricettazione. Il giudice monocratico del tribunale di Ragusa, Ivano Infarinato, ha accolto in toto le richieste dei difensori, gli avvocati Salvatore e Piero Rustico, che avevano contestato molti aspetti del provvedimento compreso l´arresto per ricettazione non sussistendo, ad esempio, la flagranza, ed anche i precedenti ascrivibili all´uomo che si riferivano a parecchio tempo fa e, comunque, non presentavano riferimenti a reati contro il patrimonio. Il magistrato, oltre a non convalidare l´arresto, ha disposto la remissione in libertà per Gambuzza, che era finiti ai domiciliari, e ha rimesso gli atti al pubblico ministero.

I DETTAGLI DELL´ARRESTO DIRAMATI DAI CARABINIERI
Secondo quanto accertato dai carabinieri nascondeva nel garage attrezzatura da pesca di provenienza furtiva del valore di circa 10 mila euro, cercando di piazzarne una parte per strada ad un ragazzo: per questo reato sono scattate le manette ai polsi del 41enne Leonardo Gambuzza, già noto per reati specifici. L´uomo è stato colto in flagranza dai carabinieri, che lo tenevano d´occhio. Lunedì sera, dopo essersi appostati nei pressi dell’abitazione del 41enne, i militari dell’arma lo hanno notato mentre cercava di convincere un giovane pozzallese all’acquisto di alcune attrezzature per la pesca. A questo punto, i carabinieri in borghese si sono avvicinati all’uomo e si sono finti interessati all’acquisto e, una volta visionate le varie attrezzature, le hanno riconosciute come rubate. Quindi, qualificatisi quali carabinieri, hanno proceduto alla perquisizione dell’abitazione e del garage dell´uomo, nel corso della quale è stata rinvenuta una notevole quantità di materiale ed attrezzatura da pesca, risultata rubata tra marzo e aprile scorsi ai danni di un esercizio commerciale di articoli per la pesca a Pozzallo.

Quindi Gambuzza è stato condotto subito in caserma e dichiarato in stato di arresto mentre tutto il materiale è stato recuperato dai carabinieri e restituito al legittimo proprietario.

Nella foto i carabinieri con l´attrezzatura da pesca di origine furtiva e già restituita al proprietario