Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 687
POZZALLO - 25/04/2016
Cronache - Ancora un viaggio della speranza nonostante i rischi

Donne e ragazzi sfidano la morte

Salvati dalla nave "Scirocco" della Marina militare Foto Corrierediragusa.it

Cinquanta minorenni non accompagnati e 4 donne in stato di gravidanza hanno rischiato la vita sfidando il fortissimo vento che spirava ad oltre 50 chilometri orari nel mare mosso che sarebbe potuto diventare la loro tomba. Per fortuna così non è stato per i 308 migranti, tra cui i citati bambini e le donne, soccorsi nel Canale di Sicilia dalla nave «Scirocco» della Marina militare e condotti nel porto di Pozzallo sani e salvi. Tutti si trovano ora ospiti dell’hot spot, a parte le donne incinte che sono state ricoverate a scopo cautelativo. Il carico umano era composto stavolta da eritrei, somali ed etiopi, oltre ad un siriano. Le loro condizioni fisiche sono relativamente buone. Le proibitive condizioni meteo hanno ritardato i tempi del viaggio, che, tuttavia, è proseguito su indicazioni dei componenti dell’organizzazione criminale senza scrupoli che lucra sulla disperazione e sulla pelle dei disperati costretti a scappare dalla loro terra natia per la guerra civile o per la povertà nella speranza di una vita migliore che non troveranno mai.

Intanto un tunisino di 19 anni, Ahmed El Yakoubi, è stato fermato perché ritenuto lo scafista. Il giovane, al suo terzo ingresso clandestino in Italia, era stato già arrestato nell´agosto del 2015 perché ritenuto uno scafista. Dopo il carcere era stato espulso e riportato in Tunisia.