Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 453
POZZALLO - 19/04/2016
Cronache - In tutto 214 disperati

Sbarco a Pozzallo: arrestati 6 scafisti

Molti sono stati ricoverati in ospedale Foto Corrierediragusa.it

Sono 65 i minori non accompagnati facenti parte del carico umano di 214 migranti sbarcati intorno alle mezzanotte tra lunedì e martedì scorsi al porto di Pozzallo e sfociato nell’arresto di sei scafisti, uno recidivo e un altro minorenne. E’ tra uno degli sbarchi con la più alta percentuale di bambini o ragazzini che si ricordi in territorio ibleo. Otto clandestini sono stati ricoverati in ospedale per traumi vari, astenia e bronchite. Gli altri stanno relativamente bene e sono ospiti dell’hot spot del porto. Tutti provengono dall’Egitto. Sono stati salvati su due barconi precari ed in avaria nel Canale di Sicilia dalla nave militare francese «Jean Francois Deianu» che li ha condotti fino al porto della cittadina marinara iblea. Al loro arrivo a Pozzallo tutti sono stati foto segnalati ed interrogati. Un certosino lavoro che ha consentito alle forze dell’ordine di addivenire all’identità dei sei scafisti, tutti egiziani e di cui, come accennato, uno recidivo e un altro minorenne, dell’ennesimo viaggio della speranza che rischiava di sfociare in tragedia come quello di inizio settimana, che ha fatto registrare una nuova ecatombe del mare. Lo scafista recidivo era già stato arrestato nel 2014 ed espulso con accompagnamento coatto.

I sei presunti scafisti sono stati dunque interrogati e arrestati, dopo essere stati accusati dagli altri migranti che hanno visto le pene dell’inferno durante la traversata dall’Egitto, pur avendo sborsato parecchi soldi per pagarsi il viaggio, costato circa 3 mila 500 dollari che si aggiungono agli 800 mila già finiti nelle tasche dei componenti dell’organizzazione senza scrupoli che organizza queste traversate pericolose per l’incolumità di quanti affrontano un destino incerto nel miraggio di una vita migliore.