Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 820
POZZALLO - 14/04/2016
Cronache - Un’altra tragedia dei viaggi della speranza

Due migranti morti annegati in mare

Nel carico umano pure 55 minorenni non accompagnati Foto Corrierediragusa.it

Ancora uno sbarco sfociato nel sangue: due migranti sono difatti morti annegati durante una traversata nel Canale di Sicilia. I due sfortunati clandestini sono caduti in mare, insieme ad altri due uomini che sono stati poi soccorsi. La tragedia è accaduta a causa dell’esplosione del motore fuoribordo del precario gommone su cui viaggiavano, stipati come sardine. Lo hanno raccontato i sopravvissuti, che erano tra i 245 extracomunitari sbarcati mercoledì a Pozzallo dopo essere stati soccorsi dal pattugliatore militare maltese P61. Tra loro anche 55 minorenni non accompagnati. Le indagini hanno permesso di identificare lo scafista di quel gommone, un gambiano di 16 anni, che è stato fermato. Tuttavia l’uomo non non è indagato per la morte dei due clandestini. L’uomo non voleva confessare le proprie responsabilità ma è stato lo stesso inchiodato grazie alle testimonianze dei disperati, scossi e spaventati a morte dalla tragica fine dei loro connazionali. Come al solito, le condizioni del viaggio della speranza erano proibitive nonostante le grosse somme sborsate dai migranti, a rischio della loro stessa vita. Le forze dell’ordine hanno anche fermato il presunto scafista di un altro gommone, un 31enne del Senegal, Lo Amotho (foto). I due scafisti sono dunque indagati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Nel 2016 nell’hot spot di Pozzallo hanno fatto ingresso 4 mila 245 migranti in occasione di 12 sbarchi e sono stati complessivamente fermati 46 scafisti, 15 dei quali minorenni.