Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1355
POZZALLO - 01/02/2016
Cronache - L’intervento dei carabinieri ha sventato il colpo

Arrestato ladro di formaggi 57enne

Manette per Carmelo Salvatore Viglianesi Foto Corrierediragusa.it

Aveva rubato nel caseificio della "Sicilformaggi" rendendosi poi protagonista di un lungo inseguimento in auto con i 4 complici: è stato alla fine arrestato dai carabinieri Carmelo Salvatore Viglianesi (foto), 57 anni, catanese, già noto per vari reati. Gli altri malviventi sono invece riusciti a fuggire. Nel corso della notte tra domenica e lunedì, infatti, una pattuglia del nucleo radiomobile di Modica è intervenuta nel caseificio a Pozzallo dopo che un cittadino aveva segnalato la presenza di alcuni soggetti sospetti. Effettivamente i militari avevano accertato che era scattato l’allarme antifurto mentre una Fiat Punto sgommava all´improvviso a tutto gas. Subito i militari dell’arma hanno azionato le sirene e si sono messi all’inseguimento del veicolo il cui guidatore, dopo una lunga corsa, ha perso il controllo finendo fuori strada. Gli occupanti hanno quindi abbandonato il veicolo e hanno proseguito la fuga a piedi per le campagne, sempre tallonati dai militari, che hanno alla fine preso solo il 57enne. Quest´ultimo, nel tentativo di divincolarsi, ha ferito leggermente i carabinieri. L´uomo, aiutato dai complici riusciti a fuggire, si era introdotto nel caseificio rubando circa 500 euro in contanti e prodotti caseari per un valore di diverse decine di migliaia di euro caricati su un furgone dell’azienda, lasciato sul posto dai ladri perchè interrotti dall´arrivo dei carabinieri.

All’interno della Punto usata per la fuga e finita fuori strada, che non risulta rubata, i carabinieri hanno invece rinvenuto i soldi, restituiti al legittimo proprietario, ed alcuni passamontagna. L’auto intanto è stata sequestrata per consentire ai carabinieri di effettuare i dovuti rilievi di eventuali impronte o indizi lasciati dai malviventi. L´uomo è stato dunque rinchiuso nel carcere di Ragusa.