Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 862
POZZALLO - 06/11/2015
Cronache - Due colpi da maestro da decine di migliaia di euro in pochi giorni

Dopo "Inventa design" ladri in azione anche alla "Beton 5" nella zona Asi

In entrambi i casi è stata presentata denuncia a carico di ignoti Foto Corrierediragusa.it

Prima gli elettrodomestici, ora il gasolio. Non c´è pace per le aziende della zona industriale Modica-Pozzallo di contrada Fargione. Dopo il furto ai danni dei magazzini dell´emporio dei mobili "Inventa design" (vedere articolo a seguire) all´inizio della settimana i malviventi hanno colpito ancora. I mezzi di una impresa di calcestruzzo, la "Beton 5", sono stati svuotati del carburante che si trovano nei rispettivi serbatoi. I mezzi erano parcheggiati nel piazzale antistante lo stabilimento e i ladri hanno agito nottetempo noncuranti di ogni rischio. Per le cento aziende che hanno sede in contrada Fargione cresce il malessere e anche la paura per i danni che possono derivare da incursioni ladresche che mettono a repentaglio la solidità delle imprese. La video sorveglianza in tutta la zona non è attivata e sono gli stessi titolari delle imprese a provvedere con propri sistemi di sorveglianza che spesso, tuttavia, non si rivelano efficaci. Il titolare del gruppo Inventa avrà un incontro con il questore nei prossimi giorni per illustrare la situazione nella zona Asi.

IL "COLPO DA MAESTRO" AI MAGAZZINI DI "INVENTA"
Ammonta a svariate decine di migliaia di euro il valore della refurtiva che ignoti quanto organizzati ladri, almeno una mezza dozzina, si sono portati via dai magazzini di contrada Fargione del noto emporio di mobili «Inventa design» che ha sede in via del Commercio, nella zona industriale di Modica Pozzallo (foto). I malviventi hanno agito indisturbati nella notte tra lunedì e martedì scorsi caricando addirittura su un tir e su un capiente furgone decine di elettrodomestici da incasso (frigoriferi, lavastoviglie, forni etc). Un lavoro lungo che i malviventi hanno portato a termine senza che nessuno se ne accorgesse, svuotando di fatto buona parte dei magazzini. I malviventi hanno forzato l’ingresso senza far scattare l’allarme, opportunamente disinserito con una certa maestria, e piazzando i mezzi pesanti a ridosso dell’entrata dei locali. Poi hanno iniziato un autentico trasloco, caricando gli elettrodomestici, alcuni dei quali particolarmente costosi, sui mezzi pesanti. I ladri avevano atteso che il vigilante di ronda facesse il suo controllo dopo la mezzanotte prima di entrare in azione indisturbati. Evidentemente qualcuno faceva da palo per studiare i movimenti della guardia giurata ed agire in sua assenza.

Al titolare Emanuele Iemmolo, che pare fosse assicurato, non è rimasto altro da fare che sporgere denuncia a carico di ignoti alle forze dell’ordine che hanno avviato le indagini. Iemmolo si è rivolto a prefetto e questore affinché facciano la loro parte per quanto riguarda la sicurezza della zona, che, a detta della vittima del furto, è abbandonata a sé stessa e alla mercé dei malviventi che da qualche tempo hanno preso di mira l´intera area industriale Asi con furti e tentati furti. Pare comunque che i ladri e i due mezzi pesanti siano stati ripresi da telecamere di sorveglianza pubbliche e private piazzate nella zona. Anche in questo senso stanno dunque lavorando gli inquirenti. Si ipotizza che la banda di ladri sia originaria del Catanese, territorio dove probabilmente è stata destinata la merce rubata.