Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1074
POZZALLO - 04/09/2015
Cronache - Agghiaccianti le testimonianze dei disperati

Arrestati 7 scafisti di cui uno minorenne: niente tregua

Commoventi le speranze dei minori: «Le nostre famiglie ci hanno mandato qui per studiare e poi lavorare» Foto Corrierediragusa.it

Concluse le complesse indagini sullo sbarco del 2 agosto a Pozzallo e Roccella Ionica. Sono 7 gli scafisti, di cui uno minorenne, arrestati dalla polizia in Sicilia. Altri 3 scafisti sono stati individuati in Calabria. Hanno viaggiato per 8 giorni dall’Egitto fino a quando sono stati soccorsi. I migranti erano stati divisi in due gruppi. Grazie alla collaborazione tra i due uffici di polizia è stato possibile individuare tutti e 10 i componenti dell’equipaggio salpato dall’Egitto con a bordo 236 migranti.
Tra i passeggeri, quasi 100 ragazzini egiziani dai 12 ai 17 anni. Agghiaccianti le testimonianze dei migranti: «Abbiamo viaggiato per una settimana solo a pane e acqua. Appena ci muovevamo dal nostro posto venivano picchiati e presi a colpi di cinghia dagli scafisti. Abbiamo pagato 3 mila dollari ciascuno ma ci avevano promesso che non avremmo corso nessun rischio e che il mare sarebbe stato calmo, purtroppo è stato tutto il contrario».

Commoventi le speranze dei minori: «Le nostre famiglie ci hanno mandato qui per studiare e poi lavorare». Tre membri dell’equipaggio hanno confessato le proprie responsabilità, mentre il capitano si è avvalso della facoltà di non rispondere. Cinque gli egiziani che avevano già tentato nel 2014 l’ingresso clandestino in Italia ma erano stati respinti dal Questore di Ragusa e dall´omologo di Brindisi. Dopo essere stati fotosegnalati dalla polizia scientifica i clandestini sono stati respinti di nuovo e saranno condotti in Egitto nei prossimi giorni. Sono complessivamente 105 gli scafisti individuati nel 2015, 200 nel 2014. La polizia ha intanto trasferito un centinaio di migranti in Piemonte per far posto ai nuovi arrivati al centro di prima accoglienza del porto di Pozzallo.