Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 927
POZZALLO - 03/08/2015
Cronache - Manette per Mehamad Aenouri

VIDEO 550 mila dollari per lo sbarco dei disperati

Nel 2015 sono 84 gli scafisti arrestati in territorio ibleo Foto Corrierediragusa.it

Hanno incassato 550 dollari gli organizzatori del viaggio della speranza che ha visto 362 migranti giungere domenica a Pozzallo. Ne è convinta la squadra mobile di Ragusa che ha arrestato il tunisino Mehamad Aenouri, 21 anni, accusato di essere lo scafista della fatiscente imbarcazione intercettata dal «supply vessel» Asso Ventinove.



Il giovane, accusato di favoreggiamento dell´immigrazione clandestina, era l´unico tunisino sul barcone su cui si trovavano altri tunisini, eritrei e sudanesi, poi portati a Pozzallo. Ma a differenza degli altri lo scafista ero sporco di grasso (usato per la manutenzione del motore). I migranti avrebbero pagato circa mille e 500 dollari l´uno per arrivare in Italia. Dopo le procedure di identificazione in 100 sono stati trasferiti a Messina e 50 a Torino. In origine si pensava che gli scafisti fossero tre, ma alla fine si è accertato che le responsabilità ricadevano solo sul 21enne. Gli uomini della Polizia di Stato, con la partecipazione di un’aliquota di Carabinieri ed una della Guardia di Finanza, hanno concluso le prime fasi delle indagini in poco più di 6 ore. Come sempre, personale della polizia sale a bordo delle navi soccorritrici per effettuare i primi accertamenti ma, solitamente gli scafisti riescono a confondersi tra i migranti per poi essere riconosciuti dai passeggeri e arrestati. Nel 2015 sono 84 gli scafisti fermati in territorio ibleo.  Lo scorso anno sono stati arrestati 199 scafisti dalla Polizia Giudiziaria. Inoltre, sono in corso numerose attività in collaborazione con le altre Squadre Mobili siciliane della Polizia di Stato (coordinate dal Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine) al fine di permettere scambi informativi utili per gestire indagini sul traffico di migranti dalle coste straniere a quelle Italiane.