Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 548
POZZALLO - 28/07/2015
Cronache - Il giovane L.S. si stava imbarcando per l’isola dei cavalieri

Auto di lusso rubate: 27enne di Ragusa denunciato

La vettura era risultata rubata in Germania Foto Corrierediragusa.it

Il trucco è abbastanza semplice: noleggiare un´auto all´estero, giungere al porto di Pozzallo al fine di imbarcarsi sul catamarano per Malta e denunciare, appena tornati dall´isola dei Cavalieri, la scomparsa dell´automezzo. Grazie a questo "abile" stratagemma, un ragusano di 27 anni, L.S. le iniziali, è stato denunciato dagli inquirenti che da tempo tengono sotto controllo il porto per prevenire atti illeciti nei confronti delle imprese che noleggiano automobili. E’ il sesto caso dall’inizio dell’anno di un uomo denunciato per aver tentato di frodare l’impresa di noleggio che si trova, in questo caso, in Germania. Il ragusano aveva preso a noleggio un’autovettura nuovissima affermando di dover prendere parte ad una cerimonia, e voleva quindi fare bella figura. Il noleggiatore aveva creduto alla storia e gli aveva assegnato un’auto nuovissima con appena 30 chilometri di strada. Il giovane denunciato non ha saputo giustificare il contratto scaduto con l’autonoleggiatore tedesco, né perché abbia sottaciuto la cosa a quest´ultimo. Appropriazione indebita è l’accusa mossa nei confronti della persona denunciata.

Il modus operandi prevede che il soggetto che ha preso l’auto a noleggio paga solo la franchigia per il furto dell’auto e la compagnia non può far altro che chiedere ristoro all’assicurazione che non paga mai l’intero importo, anzi quasi nulla. L’automobile è tornata al legittimo proprietario. Si sospetta, infine, che altre persone facciano parte dell’organizzazione criminale che «smista» le auto rubate sul territorio maltese visto che negli ultimi mesi sono stati recuperati ben 6 veicoli pronti per essere imbarcati per Malta e tutti presi a noleggio con le stesse modalità dell’odierno denunciato, sintomo che il modus operandi adottato è stato messo a punto da diversi soggetti. I ricettatori che acquistano l’auto a Malta, con molta probabilità, la smontano per appropriarsi dei pezzi di ricambio o la immatricolano nuovamente vendendola a buon prezzo sul mercato maltese.