Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1569
POZZALLO - 22/07/2015
Cronache - Si tratta del 34enne Vincenzo Locorotondo

Latitante di Bari catturato al porto di Pozzallo

E’ appartenente al clan degli Striscuglio Foto Corrierediragusa.it

Catturato un pericoloso ricercato legato al clan degli Striscuglio di Bari. Si tratta di Vincenzo Locorotondo (foto), originario di Bari, 34 anni, ammanettato dai carabinieri al porto di Pozzallo. L´uomo, appena sceso dal catamarano proveniente da Malta, ha trovato ad accoglierlo i militari, i quali, mimetizzati tra la folla, lo hanno prima avvicinato e poi bloccato. Un´operazione molto simile a quella condotta lo scorso novembre, sempre al porto, quando i carabinieri riuscirono a bloccare Aldo Gionta, figlio del boss Valentino Gionta, ricercato da mesi, mentre si stava per imbarcare sul catamarano diretto a Malta. Il barese era destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari dallo scorso fine giugno, scaturita al termine di un’ intensa attività d’indagine svolta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Bari e che, già nei primi giorni del luglio 2015, ha consentito di arrestare altri 40 soggetti responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso con l’aggravante dell’uso delle armi, tentato omicidio aggravato, rapina, estorsione pluriaggravata, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, porto abusivo di armi e munizioni aggravato dall’ aver agito con le modalità mafiose.

Le indagini delle forze dell´ordine non hanno ancora chiarito quale fosse la motivazione che ha spinto l´uomo arrestato a recarsi nell´isola dei Cavalieri. Dalle indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Bari (con i quali i carabinieri di Pozzallo hanno condotto tutta l´operazione) è emerso che lo stesso Locorotondo, nel settembre 2011, ha portato e ceduto illegalmente armi e munizionamento da guerra, adoperando metodi mafiosi e al fine di agevolare l’attività di una associazione di tipo camorristico-mafioso denominata convenzionalmente «clan Strisciuglio», uno dei raggruppamenti criminali più attivi sul territorio barese, e pertanto era ricercato dallo scorso luglio per essere sottoposto al provvedimento cautelare della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari.
Malta sembra essere diventata meta ambita per diversi illeciti e, per tale motivo, particolare attenzione viene rivolta dai carabinieri di Pozzallo agli imbarchi per l’isola ove, spesso, potrebbero nascondersi tra i passeggeri soggetti anche ricercati.