Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 789
POZZALLO - 08/06/2015
Cronache - "Non è possibile andarsene così, in questo modo" la frase più ricorrente ai funerali

Tanti giovani ai funerali di Valeria Cannata a Pozzallo

Nella chiesa Madre Madonna del Rosario piena, in angoscioso silenzio, tutti hanno seguito la funzione funebre alla quale erano presenti, tra gli altri, la sorella gemella di Valeria e l’altra sorella
Foto CorrierediRagusa.it

La città di Pozzallo ha dato l´ultimo saluto a Valeria Cannata, la ragazza di 28 anni spirata venerdì scorso dopo alcuni giorni di ricovero all´ospedale «Maggiore» di Modica a seguito di un incidente sulla strada per Santa Maria del Focallo. "Non è possibile andarsene così, in questo modo" la frase più ricorrente, fra i tanti giovani in lacrime. Rabbia e dolore, sentimenti che si mescolano, in un pomeriggio afoso di giugno. Tanta gente, ma soprattutto tanti giovani hanno partecipato alle esequie funebri celebrate dal parroco Michele Iacono il quale, durante l’omelia, ha avuto parole di conforto per i genitori e per tutti i parenti della giovane ragazza. Don Michele ha ricordato come Valeria sia stata una ragazza sempre sorridente, sempre disponibile con tutti, mai avara nel prodigarsi per gli altri. Parole che hanno cercato di lenire lo strazio di una giornata davvero tutta particolare, soprattutto ai genitori della ragazza, Antonello e Maria. Ad accogliere la bara anche gli altri ragazzi che hanno condiviso momenti di gioia e spensieratezza, i quali non sono voluti mancare all’ultimo saluto della loro cara amica. La messa è stata concelebrata dai parroci Alessandro Paolino e Salvatore Bella.

Nella chiesa Madre Madonna del Rosario piena, in angoscioso silenzio, tutti hanno seguito la funzione funebre alla quale erano presenti, tra gli altri, la sorella gemella di Valeria e l´altra sorella. Soprattutto tanti ragazzi con gli occhi velati e pieni di lacrime, perché morire a soli 28 anni di vita, nel fiore della gioventù, è veramente duro soprattutto per chi resta. Finita la Santa Messa, la salma è stata portata al cimitero comunale dove riposerà per sempre. Da segnalare come diverse attività commerciali abbiano chiuso dalle ore 16 alle ore 18 di ieri per testimoniare la vicinanza ai familiari di Valeria.

Adesso, l´attenzione si sposta tutta sulle condizioni dell´amica di Valeria, Roberta, ferita la stessa sera di due settimane fa. La ragazza era presente alla santa messa, seduta accanto alla bara bianca di Valeria. Roberta porta i segni di quella notte disgraziata. Era visibile, difatti, una fasciatura a protezione del braccio. Per l´incidente, costato la vita alla ragazza, un´automobilista ispicese di 37 anni, Vincenzo Franza, sposato e padre di 2 figli piccoli, è accusato di omicidio colposo, lesioni colpose e omissione di soccorso.