Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1082
POZZALLO - 18/07/2008
Cronache - Pozzallo - Distrutta la macchia mediterranea

Pozzallo: gli incendi, 3 ettari in fumo

Una giornata d’intenso lavoro per i vigili del fuoco Foto Corrierediragusa.it

Non si arresta l’ondata di fuoco che sta interessando la città di Pozzallo. Quella di ieri è stata un’altra giornata di intenso lavoro per i Vigili del Fuoco di Modica impegnati a contrastare gli incendi di sterpaglie e stoppie. Tre ettari di macchia mediterranea, difatti, sono andati in fumo in contrada Maganuco. L’incendio, divampatosi alle prime luci dell’alba, è stato spento dai Vigili del Fuoco di Modica, in meno di un’ora e grazie all’impiego di due autobotti. Lambito dalle fiamme anche un vecchio rudere abbandonato solitamente occupato, nel periodo estivo, da qualche turista occasionale. Fortunosamente, proprio l’altra notte, il vecchio caseggiato non era occupato da alcun turista. Nel computo totale, comunque, non si segnalano danni a cose e persone. L’unico problema è di tipo naturalistico: proprio la zona interessata dall’incendio di ieri era rinomata per essere una fra le più belle, dal punto di vista ambientale.

Sull’incendio che si è sviluppato ieri mattina, stanno indagando anche i Carabinieri della locale stazione di Pozzallo. Fugata definitivamente l’ipotesi della casualità (nel giro di tre settimane, si contano tre grossi incendi di cui due al Castello di Martino, oltre ai vari cassonetti bruciati qualche giorno fa), si cerca la mano di chi vuole sfidare le istituzioni, distruggendo ettari di macchia mediterranea.

<< E’ chiaro che bisogna fare dei distinguo ? assicurano i Vigili del Fuoco del distaccamento di Modica ? però appare strano che, solo per questa estate, ci sia una così alta concentrazione di incendi concentrati presso la zona sud-est della provincia di Ragusa, con particolare interesse per la città di Pozzallo. Casualità? Con un’escalation del genere, cominciamo a credere sempre meno che sia solo autocombustione >>.