Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1155
POZZALLO - 24/05/2015
Cronache - Si tratta di un esemplare di "Lagocephalus sceleratus" proveniente dal mar Rosso

Pescato a Pozzallo un raro esemplare di pesce velenoso

Pescatori novelli fate attenzione Foto Corrierediragusa.it

Pescatori alle prime armi, fate molta attenzione. É stato pescato (e poi gettato nuovamente in acqua in quanto morto) al largo delle coste pozzallesi un pericoloso pesce proveniente dal Mar Rosso e le cui carni sono velenose. Si tratta del "Lagocephalus sceleratus" (foto), una specie di pesce palla che si sta diffondendo anche nel mar Mediterraneo. Mercoledì scorso, un pescatore pozzallese, vecchio lupo di mare, l´ha riconosciuto una volta issate le reti. Indossato un guanto, l´uomo ha visto che il pesce era morto, quindi ha pensato bene di disfarsene. Il Logacephalus, chiamato anche "pesce palla argenteo", è estremamente velenoso: alcune sue parti contengono difatti tetradotossina, una sostanza che paralizza il sistema respiratorio e che crea problemi cardiaci. I sintomi sono legati al blocco del sistema nervoso e portano, in alcuni casi, anche alla paralisi, al vomito, alla diarrea. Le parti del pesce nelle quali si accumula la tossina sono la pelle e gli organi, soprattutto il fegato, le uova e l´intestino. La tossicità della carne, invece, presenta una variazione a seconda della specie, localizzazione geografica e stagione. L´avvelenamento da tetrodotossina è altamente rischioso e può comportare conseguenze particolarmente gravi per la salute, fino a portare alla morte, che può avvenire dopo poche ore dall’ingestione.

Il pesce palla maculato si riconosce dal dorso bruno verdastro con macchie scure e ventre bianco. Questi pesci sono facilmente riconoscibili poiché presentano una dentatura a forma di «becco di pappagallo» con 2 denti sopra e due sotto. Essendo vietata la vendita quando vengono catturati, il più delle volte, vivi o morti, sono rigettati in mare. La scorsa settimana, il "Times of Malta", quotidiano maltese, ha riportato la notizia di un altro esemplare di "pesce palla argenteo" pescato a largo delle coste maltesi.