Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 695
POZZALLO - 09/07/2008
Cronache - Pozzallo - Dopo il rogo che ha interessato il castello Di Martino

Pozzallo brucia: due incendi
in meno di 24 ore

Alte fiamme nel quartiere periferico 167 delle «case popolari» Foto Corrierediragusa.it

Torna a bruciare la città di Pozzallo, a sole ventiquattro ore dal vasto incendio che ha interessato il castello Di Martino. Ad essere interessata dalle fiamme che superavano anche il mezzo metro, il quartiere periferico delle «case popolari», il «167», di fronte al presidio medico del 118. La cronaca parla di un pomeriggio molto simile a quanto successo all’antico rudere, due giorni fa.

Intorno alle ore 15, alcuni residenti del posto richiedevano l’intervento dei vigili del fuoco di Modica, i quali, coadiuvati dal Corpo Forestale di Ragusa, riuscivano a spegnere le fiamme in meno di un’ora. Con l’uso del liquido schiumogeno erogato dai cannoncini degli automezzi, si è riusciti in breve tempo a ridurre la quantità di fumo emesso nell’ambiente che per effetto del vento si è rapidamente diradato.

Sul posto anche i carabinieri della locale stazione di Pozzallo, i quali hanno avviato una serie di indagini per risalire ad eventuali piromani. Non è esclusa, nei fatti, alcuna pista. La più accreditata resta quella di natura dolosa.

Alle 16.30 circa, il focolaio era, comunque, domato. Le fiamme, che sono divampate lungo la strada che dai lotti delle case popolari arrivano fino al cavalcavia, hanno coinvolto anche parte del territorio limitrofo ai binari della vicina ferrovia. Il fuoco ha raggiunto altezze molto elevate in quanto, oltre alla sterpaglia, le fiamme si sono propagate anche su alcuni alberi, andati letteralmente in fumo.

Alcuni residenti della zona sono stati costretti ad uscire dalle loro case e sono rimasti per strada per quasi un’ora. Fortunatamente, nessuno ha dovuto ricorrere alle cure del presidio medico, stante nelle vicinanze. Non si segnalano danni a cose. Solo tanta paura, per l’ennesimo focolaio che ha interessato la città di Pozzallo.