Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1171
POZZALLO - 19/03/2015
Cronache - Pozzallesi pure il comandante Giardina e il terzo ufficiale di coperta Finocchiaro

Sulla "Costa Fascinosa" 22 passeggeri iblei

I passeggeri del Ragusano e tutti gli altri sono illesi e stanno proseguendo la crociera secondo la tabella di marcia stabilita
Foto CorrierediRagusa.it

Sono ben 22 i residenti del Ragusano a bordo della nave da crociera «Costa Fascinosa» rimasta coinvolta nell’attentato degli estremisti islamici al museo del Bardo di Tunisi. I passeggeri sono 15 modicani, di cui 7 minorenni, una coppia di pozzallesi con padre al seguito e un’altra coppia di Scicli. A loro si aggiungono il comandante della nave Ignazio Giardina (foto) e il terzo ufficiale di coperta Maura Finocchiaro, entrambi di Pozzallo. Pozzallesi sono pure Paola Ammatuna, figlia dell’assessore Francesco, e il fidanzato Giuseppe Scolaro, che erano scesi dalla nave per una breve escursione, senza per loro fortuna rimanere coinvolti nell’attentato che mietuto una cinquantina di vittime e 22 morti, tra cui tre italiani. I due fidanzati sono subito risaliti a bordo mentre infuriava il pandemonio, raggiungendo gli altri passeggeri iblei, tra cui Rosario Scolaro, padre di Giuseppe. I passeggeri del Ragusano e tutti gli altri sono illesi e stanno proseguendo la crociera secondo la tabella di marcia stabilita. All’appello mancano solo 13 passeggeri, di certo tra le vittime dei terroristi.

Tra i passeggeri pure il pianista catanese Antonello Tonna, già scampato per miracolo al tristemente famoso disastro della «Costa Concordia». Tonna, pianista della nave «Costa Fascinosa», era in servizio anche quel fatidico 13 gennaio del 2012 sulla «Costa Concordia». Fu uno dei superstiti del naufragio. Adesso, contattato al telefono, dice di «avere le notizie dalle televisioni italiane». Ad avvertirlo è stato la moglie: «Ero sulla nave quando mi ha mandato un sms...».

«Sto rivivendo – dice il pianista della provincia di Catania contattato al telefono – le stesse forti emozioni del naufragio della «Concordia». Qui tutti cerchiamo di avere maggiori informazioni possibili, ma non è facile». »Ero in un villaggio poco distante da Tunisi – ricostruisce al telefono Tonna – quando mia moglie mi ha inviato un Sms per avvertirmi dell’attentato e sapere come stavo. Sono subito rientrato a bordo: sulla nave c’era apprensione, con i passeggeri attaccati ai cellulari per avere notizie».

"Ho parlato con mio marito attraverso la compagnia solo per pochi minuti, dopo doveva parlare con la Polizia e sbrigare quanto necessario. Mi ha detto che sono tutti a bordo e stanno tutti bene, avendo già ripreso la via del mare". C´è sollievo nelle parole della signora Tiziana Ammatuna, moglie del comandante della nave «Costa Fascinosa» Ignazio Giardina (foto), coinvolta nell´attacco terroristico di ieri al Museo del Bardo, a Tunisi, concluso con un blitz delle forze di sicurezza tunisine. Il commando di terroristi era composto da 5 persone, 2 delle quali uccise nel blitz della polizia e un altro catturato, mentre gli altri due sono in fuga.

La nave, salpata il giorno prima da Palermo, era giunta in Tunisia nella mattinata di mercoledì e ha potuto riprendere il largo poco dopo la mezzanotte tra mercoledì e giovedì. La moglie, appena sentita la notizia in televisione, ha subito chiamato telefonicamente il marito. "Ci eravamo sentiti normalmente verso mezzogiorno – racconta ancora la signora Ammatuna - e sulla nave era tutto a posto. Io ho appreso la notizia in televisione e sono rimasta di sasso. Ho provato a contattare mio marito ma niente, non era raggiungibile. Ora dovrebbero partire in giornata e, se ripartono dopo i controlli, sarebbero diretti verso Palma di Maiorca".

«Costa Fascinosa» è rimasta ormeggiata per quasi 15 ore nel porto di Tunisi, nel corso di una crociera di 7 giorni nel Mediterraneo occidentale. Durante la sosta, alcuni ospiti di "Costa Fascinosa" hanno fatto un tour della città. Tutti i gruppi di escursioni organizzati da "Costa" durante la sosta a Tunisi sono stati richiamati per fare ritorno immediato a bordo. Il comandante della nave è stato lungamente sentito dalla polizia tunisina al fine di far luce sui fatti.

Ignazio Giardina, illustre comandante pozzallese, dovrà sbarcare dalla «Fascinosa» a fine aprile. La quindicesima nave della flotta «Costa» con le sue 114 mila e 500 tonnellate di stazza, con una lunghezza di 292 metri, capace di ospitare 3 mila e 800 ospiti e più di mille persone ingaggiate come equipaggio, è una delle punte di diamante della compagnia marittima. La nave è stata inaugurata nel luglio del 2011 proprio dallo stesso Giardina, comandante allora appena 50enne.