Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:10 - Lettori online 856
POZZALLO - 20/02/2015
Cronache - La vicenda scoperta dalla guardia di finanza

Frode nel settore delle onoranze funebri

Denunciato il responsabile Foto Corrierediragusa.it

Una società «fantasma» nel mirino della Guardia di Finanza della Tenenza di Pozzallo. Un imprenditore pozzallese è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per truffa finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche. L´uomo, titolare di una ditta individuale operante nel settore delle onoranze funebri, dopo aver incassato una somma di circa 30 mila euro, beneficio di un contributo statale, ha pensato bene di chiudere i battenti dopo solo due anni di attività. Nello specifico, dopo aver incassato l’intero aiuto statale di oltre 30 mila euro, l’impresa ha cessato l´attività senza alcuna comunicazione, nascondendo di fatto all’agenzia erogatrice, l’Invitalia, la perdita dei requisiti ed impedendo, pertanto, il recupero della somma elargita a titolo di agevolazione. L’obiettivo del progetto era quello di incrementare l’attuale capacità produttiva dell´impresa e ottimizzare il processo di lavorazione, con conseguente diminuzione di costi di produzione e logistici. Inoltre, la ditta doveva obbligatoriamente rendicontare il proprio fatturato per i primi cinque anni. Tutte regole che sono state disattese.

Secondo quanto riferito dai militari delle Fiamme Gialle, l´uomo aveva anche occultato i beni strumentali, vendendoli. Non lasciando alcuna traccia, la persona denunciata sperava di farla franca e di incassare i 30 mila euro senza avere alcun pensiero. È stato richiesto, infine, il sequestro per equivalente dei beni in suo possesso fino a concorrenza dell’importo truffato ai fini del rientro della somma da parte dello Stato.