Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 893
POZZALLO - 26/12/2014
Cronache - Nel carico umano 3 donne incinte trasferite a Modica e 2 ustionati ricoverati a Ragusa

Un morto al porto: asfissia da idrocarburi la causa del decesso del migrante sbarcato a Pozzallo. Arrestato lo scafista

Nella giornata di Natale invece una donna nigeriana ha dato alla luce un bambino Foto Corrierediragusa.it

Asfissia da idrocarburi: è questa la causa del decesso del giovane migrante sbarcato al porto di Pozzallo assieme ad altri 364 disperati, di cui 22 donne. Sono stati quattro i barconi che i militari della nave «Foscari» hanno affiancato nel giorno di Natale e che, ieri, hanno trasbordato a poche miglia della costa iblea. Ci ha pensato, poi, il rimorchiatore «Nos Taurus» a trasferire i migranti, compreso il cadavere, sulla banchina commerciale del porto. I medici dell´Asp di Ragusa sono saliti a bordo del rimorchiatore e hanno ispezionato il cadavere del giovane, dall´apparente età di 25 anni circa. Dopo pochi minuti è giunto l´ordine di trasferire la salma nell´obitorio del cimitero di Pozzallo.

Un viaggio su barconi fatiscenti e con pochi posti a disposizione. Ammassati come animali, con il solo obiettivo di giungere presto in Italia e di ottenere un visto per la libertà. I migranti hanno raccontato anche di aver trovato mare grosso sebbene i soccorsi siano arrivati spediti. "Ci stanno due milioni di persone, in Africa – hanno detto appena scesi dalla nave – pronte a salpare. Le coste libiche sono piene di migranti. Molti hanno paura di attraversare il mare in questo periodo. Appena si calmerà il mare, molti africani verranno in Sicilia".

Sono tre le donne incinte che sono state trasferite a Modica, due gli ustionati ricoverati a Ragusa. Con molta probabilità, i due ustionati fanno parte del gruppo dove vi era anche il giovane morto. Le donne incinte torneranno in queste ore al centro di prima accoglienza del porto, gli ustionati resteranno a Ragusa per alcuni giorni. Il presunto scafista finito in manette è un 25enne del Gambia.

Dei 364 migranti giunti a Pozzallo, 150 unità hanno lasciato il comune rivierasco per andare in altri centri di accoglienza siciliani. Gli altri saranno trasferiti nelle prossime ore in altri centri di accoglienza del nord Italia. Ieri sera, i migranti ospiti del Cpa erano 221.

Da segnalare pure «Un sospetto caso di tbc e malaria ai danni di un migrante non sbarcato a Pozzallo e posto in bio-isolamento a bordo e quindi trasferito a terra per altra destinazione con l’elicottero della nave", riferisce una nota della Marina militare. In tutto nelle operazioni di salvataggio la Marina ha recuperato le salme di cinque migranti morti durante la traversata.

Nella giornata di Natale invece una donna nigeriana soccorsa dalla nave «Borsini» ha dato alla luce un bambino: il lieto evento è avvenuto sulla nave «Etna». Mamma e bimbo stanno bene e sbarcheranno a Messina.


ABBIATE PAZIENZA
26/12/2014 | 22.18.20
arlecchino

Abbiate pazienza, tra poco arriverà anche la peste, l´AIDS e il colera! Forza ´migranti´!