Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 713
POZZALLO - 17/12/2014
Cronache - L’esito dell’udienza preliminare sul procedimento giudiziario

Prosciolto ex sindaco di Pozzallo Sulsenti

La guardia di finanza avrebbe riscontrato un’indebita compensazione crescente di anno in anno Foto Corrierediragusa.it

Proscioglimento da tutte le accuse per l’ex sindaco di Pozzallo Giuseppe Sulsenti (foto) nell’udienza preliminare con altri 14 coimputati del procedimento giudiziario scaturito dalla gestione sospetta del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti nella cittadina marinara. Il gup ha accolto la richiesta della difesa, che ha prodotto prove a discolpa dell’assistito Sulsenti, che aveva chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato. Oltre all’ex primo cittadino sono stati prosciolti altri tre coimputati, mentre si sono invece registrati dieci rinvii a giudizio. Le accuse, limitatamente alle responsabilità di ciascun imputato, parlavano di frode in pubbliche forniture, truffa, abuso d’ufficio, falsità materiale commessa da pubblico ufficiale in atto pubblico, rivelazione di segreti d’ufficio, violenza e minaccia a pubblico ufficiale. Come accennato, l’ex sindaco di Pozzallo Giuseppe Sulsenti è stato prosciolto con il rito abbreviato. Non luogo a procedere, ma senza il rito alternativo, anche per l’ex dirigente del settore ecologia dell’ente, Giovanni Modica, per Giovanni Gambuzza e Giovanni Zacco, per i quali c’erano imputazioni residuali. Il gup ha invece rinviato a giudizio, fissando l´udienza a porte aperte per il prossimo sette maggio, l’ex comandante della polizia locale Luigi Bottaro, per il quale sono cadute le accuse più pesanti; Corrado Corsico e Giuseppe Guglielmino (rispettivamente responsabile e amministratore della società Geo Ambiente); Angelo Avveduto, ex assessore al settore ed esperto del sindaco; Catia Maria Caruso; Pietro Burrafato; Biagia Caruso; Mario Lupica; Antonello Mineo e Francesco Fileti.

La guardia di finanza avrebbe riscontrato un’indebita compensazione crescente di anno in anno alla «Geo Ambiente»: nel 2008 per 392mila euro, nel 2009 per un milione 870mila, nel 2010 per un milione 206mila euro e nel 2011 addirittura per due milioni 300mila. In sostanza la società avrebbe accumulato ingiusti profitti a discapito delle finanze del comune pozzallese.