Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 619
POZZALLO - 02/12/2014
Cronache - Sono stati i marinai del rimorchiatore «Hamal» a salvare 97 migranti

Attimi di paura per gli sbarcati a Pozzallo

Tutti hanno dichiarato di voler rimanere pochi giorni in Italia Foto Corrierediragusa.it

Attimi di paura per i quasi 100 migranti che sono stati soccorsi in mare, a diverse miglia da Tripoli, e che sono giunti, ieri, a Pozzallo grazie ad una nave della Guardia Costiera. Sono stati i marinai del rimorchiatore «Hamal» a salvare i 97 migranti che stavano per annegare in mare. Il barcone fatiscente che trasportava i migranti era colato a picco e solo il repentino intervento dei marittimi, a bordo del rimorchiatore, ha fatto sì che tutti giungessero sani e salvi in Sicilia. L’allarme è scattato in seguito ad una telefonata che segnalava la presenza di un gommone con a bordo migranti in acque libiche, a circa 42 miglia a nord della capitale libica. Le operazioni di soccorso sono state coordinate dal Centro nazionale di soccorso di Roma della Guardia Costiera, che ha inviato in zona il rimorchiatore «Hamal», che risultava essere il mezzo più vicino all’unità in difficoltà. La nave della Guardia Costiera è giunta in rada alle ore 11 e le operazioni si sono concluse un´ora e venti minuti dopo.

Tutti hanno dichiarato di voler rimanere pochi giorni in Italia e che la meta agognata, per la quasi totalità del gruppo, è quella della Germania. Solo una persona ha dovuto ricorrere alle cure del personale medico ma non è stata trasportata in alcun ospedale perché le ferite riportate sono state medicate sul posto. Provenienza dei migranti, nazioni dell´Africa centrale.

Gli inquirenti, nel primo pomeriggio, hanno cominciato a chiedere tempi e modi della traversata al fine di capire quanti soldi hanno speso i migranti per il viaggio e, soprattutto, se nel gruppo si nascondesse qualche scafista. Non è stata confermata la notizia di eventuali decessi dovuti a possibili annegamenti e gli inquirenti stanno vagliando ogni ipotesi.