Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1165
POZZALLO - 29/11/2014
Cronache - Lo sbarco dei 252 migranti

Ora ci sono pure i cuochi tra gli scafisti: 7 arresti

Gli investigatori hanno accertato che i clandestini hanno pagato 6 mila dollari a testa Foto Corrierediragusa.it

C´erano pure due cuochi fra gli scafisti arrestati con l´accusa di aver traghettato 252 migranti fino alle porte di Pozzallo. Sette egiziani sono finiti in manette con la grave accusa di aver traghettato in acque nazionali i migranti che sono giunti venerdì mattina in provincia di Ragusa. Sul natante, oltre alle due persone che erano dediti ai pasti, c´erano il comandante, il vice e tre macchinisti. Coloro che hanno pianificato l´ennesima trasferta verso l´Italia hanno pensato davvero a tutto. Persino il cuoco! Sette persone che hanno avuto anche il compito di non far muovere nessuno a bordo del peschereccio, condizione necessaria affinché l´imbarcazione non si ribaltasse e creasse una nuova tragedia nel Canale di Sicilia. I sette egiziani fermati sono Khaled Mohammad, di 41 anni, Ali Isa, di 27, Faraj Nassar, di 24, Mohammad Ibrahim Abouazzai, di 53, Islam Saleh Mohamed, di 22, Talaat Ismail, di 21 e Mouhamed Abd El Makssoud, di 39. La loro imbarcazione, un peschereccio, trasportava 177 uomini, 36 donne e 38 minori, tra cui alcuni neonati.

Gli investigatori hanno accertato che i migranti hanno pagato 6 mila dollari a testa." Nell’ultimo anno – dice il commissario capo della Squadra Mobile di Ragusa, Antonino Ciavola - sono stati arrestati 188 scafisti dalla Polizia Giudiziaria e sono in corso numerose attività di collaborazione con le altre Squadre mobili siciliane, coordinate dal Servizio centrale operativo della Direzione centrale anticrimine, al fine di permettere scambi informativi utili per gestire indagini sul traffico di migranti anche ti tipo internazionale".

Molti migranti, in queste ore, stanno lasciando il centro di prima accoglienza per essere trasferiti presso altre sedi, così come riferisce una nota della Polizia di Stato.