Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1565
POZZALLO - 29/11/2014
Cronache - Sono stati prelevati a 180 miglia a est della città di Catania

Sbarco di 251 migranti a Pozzallo con tanti bambini

I clandestini sono ospitati nel centro di prima accoglienza Foto Corrierediragusa.it

Neanche l´arrivo del mese di dicembre e il conseguente peggioramento delle condizioni meteo-marine scoraggiano le attività criminali delle organizzazioni che trasportano i migranti in Sicilia. Anche venerdì altri 251 migranti (172 uomini, 31 donne e, dato impressionante, 52 minori, di cui molti in tenera età) hanno raggiunto il porto della città rivierasca grazie ad una nave mercantile battente bandiera della Turchia, la «Natàlia A». I migranti sono stati prelevati a 180 miglia a est della città di Catania, così come hanno riferito i militari della locale Capitaneria di porto. Solo una donna ha ricevuto le cure mediche in quanto gravida. La stessa è stata trasferita con urgenza all´ospedale «Maggiore» di Modica ma non è in gravi condizioni. Provenienza dei migranti, Siria, Marocco, Palestina ed Egitto. Le operazioni per far arrivare al porto la nave turca sono state assai complesse a causa delle condizioni del mare. Il mare mosso ha pregiudicato la fase iniziale dello sbarco. La bravura degli uomini della Capitaneria di porto ha permesso l´approdo senza alcuna difficoltà. Le operazioni si sono concluse qualche minuto prima delle ore 12. La nave turca era giunta in rada qualche minuto dopo le ore 7, di buon mattino.

I clandestini sono ospitati nel centro di prima accoglienza. Cento sono partiti alle ore 11 per altre destinazioni verso il nord Italia. Ieri, vi erano 427 migranti dentro la struttura portuale di accoglienza. Il centro straordinario di Comiso, in contrada Cifali, è rimasto chiuso.

Da lunedì, il centro di prima accoglienza sarà gestito per poche settimane da un nuovo gestore. La ditta che prenderà possesso della struttura si chiama «Luoghi Comuni», ha sede ad Acireale ed è vincitrice della procedura negoziata di un bando di gara riguardante il centro di accoglienza.