Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 900
POZZALLO - 14/11/2014
Cronache - Coimputati altri 14 soggetti per i quali si paventa il rinvio a giudizio

Giudizio abbreviato per ex sindaco Pozzallo Sulsenti

La guardia di finanza avrebbe riscontrato un’indebita compensazione crescente di anno in anno Foto Corrierediragusa.it

Giudizio abbreviato condizionato a produzione documentale per l’ex sindaco di Pozzallo Giuseppe Sulsenti (foto), imputato assieme ad altri 14 soggetti nel procedimento in udienza preliminare sulla gestione del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti a Pozzallo. Il gup ha accolto la richiesta della difesa, che ha prodotto prove a discolpa dell’assistito, fissando la prossima udienza al 16 dicembre, quando deciderà se rinviare a giudizio o meno gli altri imputati, che, ciascuno per le proprie responsabilità, devono rispondere di frode in pubbliche forniture, truffa, abuso d’ufficio, falsità materiale commessa da pubblico ufficiale in atto pubblico, rivelazione di segreti d’ufficio, violenza e minaccia a pubblico ufficiale. Oltre all’ex primo cittadino Giuseppe Sulsenti e alla «Geo Ambiente», che gestiva il servizio, sono coinvolti nel procedimento l’allora dirigente del settore ecologia Giovanni Modica, il suo collega Luigi Bottaro, di recente rimosso dalla sua carica di comandante della polizia municipale, Corrado Corsico, Giuseppe Guglielmino (rispettivamente responsabile e amministratore della società), Angelo Avveduto, Catia Maria Caruso, Pietro Burrafato, Biagia Caruso, Giovanni Gambuzza e Mario Lupica.

Coimputati pure Antonello Mineo, Giovanni Zacco e Francesco Fileti. La guardia di finanza avrebbe riscontrato un’indebita compensazione crescente di anno in anno alla «Geo Ambiente»: nel 2008 per 392mila euro, nel 2009 per un milione 870mila, nel 2010 per un milione 206mila euro e nel 2011 addirittura per due milioni 300mila. In sostanza la società avrebbe accumulato ingiusti profitti a discapito delle finanze del comune pozzallese, grazie alla presunta disponibilità degli altri imputati dipendenti di palazzo La Pira, tra cui l’ex sindaco, che sarà dunque giudicato con il rito abbreviato.