Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1175
POZZALLO - 22/09/2014
Cronache - In manette un tunisino di 26 anni

Arrestato scafista dello sbarco dei 169 a Pozzallo

E’ stato incastrato dalle testimonianze dei disperati Foto Corrierediragusa.it

Arrestato lo scafista che aveva traghettato a Pozzallo, sabato scorso, 169 persone. Si tratta di Alim Khalifa, 26 anni, nazionalità tunisina, messo alle strette dalle testimonianze dei migranti fornite agli inquirenti della squadra mobile di Ragusa. L´uomo è accusato di favoreggiamento dell´immigrazione clandestina ed è stato rinchiuso all´interno del carcere di Ragusa, a disposizione dell´autorità giudiziaria. I migranti hanno raccontato di essere stati stipati all´interno di un capannone per diverse settimane. Successivamente, sono stati fatti salire a bordo di un autobus per poi giungere davanti ai gommoni al fine di effettuare la traversata. Le persone che hanno viaggiato hanno pagato mille dollari a testa e la somma complessiva che le forze dell´ordine ritengono che sia stata introitata dai criminali che organizzano i viaggi dall´Africa in Sicilia si aggira attorno ai 170 mila dollari. Cospicua anche la provvigione per lo scafista accusato. Con questo arresto, sale a 130 il numero di scafisti ammanettati dall´inizio dell´anno, solo a Pozzallo. Le forze dell´ordine, prima di conoscere la dinamica della traversata, hanno dovuto superare molte reticenze da parte dei migranti, i quali non avevano alcuna intenzione di raccontare quanto è successo.

Sono 336 i migranti ospiti del cpa di Pozzallo, a pieno ritmo dopo la parziale chiusura di quindici giorni imposta dalla prefettura di Ragusa. Sono, invece, 80 i migranti che nel primo pomeriggio sono giunti da Pozzallo in direzione Comiso, all´interno dell´ex masseria di contrada Cifali. Nelle prossime ore, altri 80 migranti raggiungeranno il centro straordinario di Comiso, facendo scendere la quota del Cpa portuale a 276. Tutti numeri che sono destinati comunque a cambiare rapidamente. Nel folto gruppo, difatti, sono presenti molti palestinesi e siriani. Quest´ultimi sono i primi a lasciare i centri di accoglienza, avendo a disposizione contanti e tanta voglia di raggiungere, al più presto, parenti ed amici in Germania, Norvegia e Paesi Bassi.