Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1591
POZZALLO - 24/08/2014
Cronache - Il dolore all’addome poteva costare davvero caro ad una residente

Strada stretta, ambulanza non passa per soccorso donna

La donna, trasferita d’urgenza a Modica, è tornata a casa il giorno dopo ma la rabbia del marito si è riverberata sul primo cittadino della città rivierasca Luigi Ammatuna
Foto CorrierediRagusa.it

Il dolore all´addome poteva costare davvero caro ad una donna che, chiamata l´ambulanza del 118, ha dovuto superare mille difficoltà prima di salire a bordo dell´ambulanza. Nella notte fra giovedì e venerdì, giunge al 118 una telefonata da parte di una coppia di residenti in via Giulia (foto), centro storico della città, con viuzze strettissime. "Venite a soccorrrere mia moglie – dice il marito della donna che sta male – abito in via Giulia, vicino alla chiesa madre Madonna del Rosario e fate presto". L´ambulanza arriva in via Giulia dopo pochi minuti ma non può entrare dentro la stretta via a causa delle molteplici macchine parcheggiate che ostacolano il transito. Per trasferire la donna sull´automezzo, il personale medico impiega più di dieci minuti, zigzagando fra le automobili in sosta, alcune parcheggiate anche in malo modo. L´ambulanza, difatti, è stata parcheggiata molto lontano dalla residenza della coppia e l´intervento a terra sarebbe durato molto meno se l´ambulanza fosse giunta nei pressi dell´abitazione.

La donna, trasferita d´urgenza a Modica, è tornata a casa il giorno dopo ma la rabbia del marito si è riverberata sul primo cittadino della città rivierasca Luigi Ammatuna. In passato, il marito della donna trasferita d´urgenza all´ospedale aveva chiesto al primo cittadino il divieto di sosta in via Giulia, specie dove la via si restringe al fine di non incappare in spiacevoli episodi.


27/08/2014 | 10.13.35
Cittadino

Il problema non sono le macchine ma le banchine che i proprietari costruiscono davanti casa recintando ABUSIVAMENTE marciapiedi e strade. Nessuno interviene perche´ obbligando il ripristino dei luoghi con l´abbattimento dei manufatti dopo non si puo´ andare a cercare il voto. IL PROBLEMA INTERESSA TUTTA POZZALLO DA DECENNI.