Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 889
POZZALLO - 23/08/2014
Cronache - Manette per i presunti autori dello sbarco dei 200

Altri 355 profughi sbarcati a Pozzallo. Arrestati 3 scafisti

In totale sono arrivati 555 migranti in 48 ore Foto Corrierediragusa.it

Sono giunti stremati al porto di Pozzallo e hanno riferito che, sulle coste libiche, vi sono ancora tantissimi africani che chiedono di attraversare il Mediterraneo per sfuggire a fame e guerre. Sono i 355 migranti che sono giunti al porto alle ore 12. Un flusso inarrestabile che segue un altro sbarco, quello di venerdì dove i migranti giunti sono stati 200. Un esodo di persone che non si arresta e che, molto probabilmente, non sarà fermato neanche con le prime avvisaglie di maltempo, nelle prossime settimane. Arrivano da molte nazioni. Ieri, al porto, si sono intravisti anche i primi palestinesi, assieme ad altri nuclei familiari provenienti da Sudan, Egitto, Siria, Eritrea, Marocco, Tunisia. Sono 183 uomini, 65 donne, 107 minori, alcuni anche non accompagnati. Ragazzi di quindici/sedici anni che hanno alzato le dita in segno di vittoria, raggianti per aver tagliato il traguardo finale.

É stata una nave mercantile a prelevare i migranti a nord delle coste libiche. La stessa nave li ha condotti fino a Pozzallo, scortata dalle motovedette della Capitaneria di porto. Quattro le donne incinte che sono state trasferite all´ospedale «Maggiore» di Modica. Tre gli uomini trasferiti al «Civile» di Ragusa (due uomini lamentano problemi ad una gamba, il terzo è ricoverato per disidratazione, stando a quanto riferito dai militari della capitaneria di porto di Pozzallo). I migranti sono stati trasferiti presso il centro di prima accoglienza. I siriani giunti a Pozzallo con lo sbarco di venerdì sono stati trasferiti nel centro di prima accoglienza straordinaria di Comiso. Non sono al collasso le due strutture, ma un altro sbarco, magari nelle prossime ore, potrebbe peggiorare la situazione.

Intanto, per lo sbarco di venerdì dei 200 siriani (molti dei quali hanno già lasciato la città di Pozzallo autonomamente) sono stati arrestati tre presunti scafisti. Le attività di indagine esperite dalla squadra mobile di Ragusa, in collaborazione con personale dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, hanno consentito di sottoporre in stato di fermo di indiziato di delitto Hanim Mohani, di 24 anni, Honeim Tarak, di 29 anni, e Mohamed Ibrahim Yusef, di 32 anni, tutti sedicenti egiziani. I tre sono stati fermati poichè ritenuti di essere responsabili dell’ingresso e della successiva permanenza clandestina sul territorio italiano dei 197 cittadini che si trovavano a bordo dello stesso natante. Uno dei fermati era già stato in Italia cinque volte, sbarcando a Lampedusa, e nel 2013 era stato pure arrestato.


Emorragia continua
23/08/2014 | 15.21.42
Flavio

Ormai è davvero una emorragia continua... grazie a "Mare nostrum".