Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 27 Agosto 2016 - Aggiornato alle 15:29 - Lettori online 612
POZZALLO - 27/06/2014
Cronache - Cibo al macero ad un costo di 15 euro al giorno per ciascun clandestino

FOTO - Pasti buttati al Cpa di Pozzallo

Nessuna risposta al telefono dal responsabile del centro
Foto CorrierediRagusa.it

Le foto che vedete a lato e sotto l´articolo e che ci sono state concesse da un volontario del centro di prima accoglienza di Pozzallo dicono tutto: centinaia di piatti di pasta e carne ancora sigillati e caldi di cottura buttati nei cassonetti della spazzatura all’interno della stessa struttura che ospita i clandestini degli sbarchi. Anche la frutta fresca finisce tra i rifiuti. Se si tiene conto che questa scandalosa situazione dura da parecchi giorni e che i pasti buttati costano 15 euro al giorno per ciascun migrante, l’entità dello spreco è evidente e suona come uno schiaffo a chi magari non ha di che vivere. Perché i pasti in più finiscono nei cassonetti invece di essere destinati ad altri centri o a persone bisognose che non hanno nulla da mangiare? E’ il comune di Pozzallo a gestire la situazione con denaro pubblico sotto la supervisione della Prefettura, ma il sindaco Luigi Ammatuna (nella foto con il cibo buttato nei cassonetti) ha appreso da noi l’incredibile vicenda: "Non ne sapevo nulla. Resto quantomeno sorpreso, farò gli opportuni controlli".

Nessuna risposta al telefono invece dal responsabile del centro. Lo scandaloso spreco non è dovuto solo al numero di pasti sovrastimati e quotidianamente ordinati dal comune alla ditta con sede a Ispica che ha in appalto il servizio, ma anche ai gusti degli stessi clandestini, molti dei quali si rivelano schizzinosi e preferiscono mangiare nei locali pubblici, in quanto il cibo servito al Cpa non è di loro gradimento. Restano queste immagini che colpiscono con la stessa forza di un pugno allo stomaco, soprattutto in questi tempi difficili che costringono un po’ tutti a tirare la cinghia.

Cliccate sulle foto sotto per ingrandirle


rimandateli a casa e date i pasti agli indigenti della provincia
28/06/2014 | 23.33.26
salvatore

è vergognoso buttare il cibo di chi ti aiuta.mentre centinaia di italiani della provincia muoiono di fame questi clandestini fanno gli schizzinosi.rimandateli da dove vengono e facciamola finita per sempre.gli italiani?un popolo di stupidi