Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 981
POZZALLO - 26/06/2014
Cronache - Una donna è stata sfiorata dal fuoco

Fiammata da bombola per le conserve

Sono stati i carabinieri della motovedetta d’Altura, di stanza a Pozzallo, i primi a prestare soccorso Foto Corrierediragusa.it

Stavano preparando, come ogni anno, le conserve di pomodori all´ultimo piano di un appartamento in via Nino Martoglio, nei pressi della Stazione dei Carabinieri, sita sul lungomare Raganzino, ma qualcosa è andato storto. Dalla bombola del gas si è difatti sprigionata un´alta fiammata che, nel giro di pochi secondi, ha annerito una parete adiacente il fornello. A farne le relative spese, una donna, la proprietaria dell´appartamento, la quale si trovava fortunatamente in un´altra stanza quando è successo lo spiacevole episodio. A quanto ricostruito, la donna potrebbe aver posizionato la bombola troppo vicino al fornello e, con il surriscaldamento, potrebbe essersi provocata una fessura nella bombola da cui è uscito il gas e la fiammata. Questa una delle tante ipotesi al vaglio delle forze dell´ordine.

Sono stati i carabinieri della motovedetta d´Altura, di stanza a Pozzallo, i primi a soccorrere la donna. Grazie all´uso di un estintore, le forze dell´ordine hanno spento le lingue di fuoco, senza dover attendere l´intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Modica. Giunti sul posto, difatti, i vigili del fuoco hanno appurato l´ottimo lavoro compiuto dai carabinieri. La prima preoccupazione dei vigili del fuoco all’arrivo è stata, comunque, quella di mettere in sicurezza le altre bombole che si trovavano nelle vicinanze e il sito.

Per la donna, i danni sono davvero ingenti. Una parete annerita, tanta paura ma soprattutto molte conserve di pomodoro da inviare al macero. Un vero peccato.